giovedi` 20 giugno 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Brigitte Gabriel all'Onu difende gli ebrei e Israele sotto attacco (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
12.04.2019 Venezuela: la dittatura di Nicolįs Maduro peggio di una guerra
Ma l'Occidente ha ormai dimenticato l'opposizione guidata da Juan Guaidņ

Testata: Il Foglio
Data: 12 aprile 2019
Pagina: 3
Autore: Editoriale del Foglio
Titolo: «Maduro č peggio di una guerra»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 12/04/2019 a pag.3, l'editoriale "Maduro č peggio di una guerra".

Quante promesse non mantenute, fa bene Israele a contare sulla propria forza, l'Occidente - Vaticano incluso -predica bene ma razzola male

Immagine correlata
Nicolįs Maduro, Juan Guaidņ

Nicolįs Maduro č stato peggio di una guerra. Mentre sul Venezuela il Consiglio di sicurezza dell’Onu continua a essere paralizzato, Banca mondiale e Fondo monetario internazionale hanno definito formalmente quella del Venezuela come la peggiore crisi economica della storia in tempo di pace. Peggio del botto di Wall Street del 1929, peggio di quella superinflazione che nella Repubblica di Weimar spianņ la strada al nazismo, peggio del recente collasso greco, peggio dell’Iraq durante la guerra con l’Iran e della Libia al momento della rivolta contro Gheddafi. Perfino la guerra civile spagnola avrebbe provocato meno danni. Secondo la Banca mondiale, a fine 2019 il pil del paese con le maggiori riserve di petrolio del pianeta, le maggiori riserve di gas della regione e le maggiori riserve di oro trovate di recente sarą caduto di un altro 25 per cento, dopo il 17,7 del 2018. La “peggior crisi nella storia moderna della regione”. Secondo il Fondo monetario internazionale la caduta del pil potrebbe arrivare al 30 per cento: “Una enorme crisi umanitaria e socioeconomica”. Da aggiungere al 51 per cento gią perso durante i primi sei anni di Maduro: Cuba nel “Periodo speciale” seguito alla caduta del Muro di Berlino aveva perso solo il 30 per cento. Insomma, solo nella Siria della guerra civile l’economia č andata peggio. L’inflazione a fine anno č arrivata a 1.370.000 per cento, e adesso č a 1.623.656, malgrado la caduta del consumo per i blackout a catena che dallo scorso 7 marzo stanno lasciando quasi costantemente al buio la gran parte del paese. E a marzo si sono estratti soltanto 740.000 barili di petrolio al giorno: contro i 3,5 milioni di quando Chįvez arrivņ al potere, e i 5 milioni verso cui la produzione sembrava incamminata in quel momento. E’ una testimonianza ulteriore del disastro politico e umanitario portato dal socialismo in salsa chavista. La comunitą internazionale, intanto, rimane paralizzata.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/ 5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT