lunedi` 20 maggio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità sulla 'Nakba' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.02.2019 Pianeta promesso? una licenza poetica
Commento di Maurizio Crippa

Testata: Il Foglio
Data: 23 febbraio 2019
Pagina: 1
Autore: Maurizio Crippa
Titolo: «Lo spazio di Israele»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/02/2019, a pag.1 il commento di Maurizio Crippa dal titolo "Lo spazio di Israele"

Immagine correlataImmagine correlata
Maurizio Crippa

Questa storia potrebbe raccontarvela molto meglio la nostra astroreporter @giuliapompili (a cui ovviamente la devo), con quella sua magnifica ossessione che lo spazio sia una metafora luminosa di chi siamo e di quel che cerchiamo, qui sul pianeta Terra. Ma accontentatevi del riassunto, perché è bella. E' la storia del lander israeliano Bereshit, che vuol dire Genesi, che brivido di nome, che se n'è partito sul razzo SpaceX Falcon 9 verso la luna (esplorazione spaziale privata). Ma non è soltanto il solito viaggio in cerca di foto e dati, quello intrapreso da questo marchingegno tecnologico, sono sempre un po' buffi a vederli, che ha la bandiera con la stella di David sopra. C'è una volontà di andare, portandosi dietro chi si è, che è dentro a tutto un popolo che ha la memoria lunga e gli occhi che sognano lontano. Dentro "Genesi" c'è infatti una "macchina del tempo" (ci crediate o no) digitale, con 50 milioni di pagine di dati, l'intera Bibbia, un memoriale dei sopravvissuti della Shoah, l'inno e la bandiera e la dichiarazione di indipendenza israeliana. Andrà nel Mare della tranquillità, non alla minacciosa scoperta della dark side of the moon come fanno i cinesi. E chissà se troverà una Terra Promessa di scorta, come cercano di fare in Alaska nel Sindacato dei poliziotti yiddish di Michael Chabon, perché non si sa mai. Ma adesso che a molti qui, sul nostro pianeta senza fantasia, sta montando la voglia insana di scacciarli ancora, l'orgoglio di cercare il Pianeta Promesso nello spazio è ancora più bello.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT