sabato 17 novembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Unrwa, strumento dell'odio contro Israele. I rifugiati veri e quelli inventati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
07.11.2018 Francia: Emmanuel Macron sotto attacco dell'estrema destra
Commento di Mauro Zanon

Testata: Il Foglio
Data: 07 novembre 2018
Pagina: 3
Autore: Mauro Zanon
Titolo: «Bersaglio: Macron. Anche in Francia l’ultradestra fa paura»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 07/11/2018, a pag.3, con il titolo "Bersaglio: Macron. Anche in Francia l’ultradestra fa paura", il commento di Mauro Zanon.

Immagine correlata
Mauro Zanon

Parigi. Il progetto era ancora “impreciso” e “mal definito”, ma il bersaglio era già stato fissato: Emmanuel Macron. Ieri mattina, in tre dipartimenti francesi, Isère, Ileet-Vilaine e Mosella, sono state arrestate sei persone vicine all’ultradestra, sospettate di pianificare un attentato contro l’in - quilino dell’Eliseo. L’operazione condotta dalla Dgsi, l’intelligence interna di Parigi, è stata lanciata per “verificare il grado di preparazione” degli individui, come confermato all’Express da una fonte vicina al dossier, per capire quale fosse lo stato di avanzamento del “progetto di azione violenta”, secondo le parole di un’altra fonte sentita dal settimanale parigino. Stando alle informazioni della rete all-news Bfm.tv, i sei individui, cinque uomini e una donna, avrebbero un’età compresa tra i 22 e i 62 anni, e sono stati fermati in seguito a una serie di inquietanti intercettazioni telefoniche, come riportato da France Info.

Immagine correlata
Emmanuel Macron

“Ci sono state delle minacce concrete che ci hanno preoccupato e spinto a procedere alle interrogazioni”, ha dichiarato il ministro dell’Interno Christophe Castaner, che la scorsa settimana, in occasione della nomina del nuovo capo della Dgsi, Nicolas Lerner, si era detto “vigile” verso le minacce dei “movimenti estremisti sia di destra che di sinistra”. La procura di Parigi ha aperto ieri un’inchiesta preliminare per “associazione a delinquere con finalità di terrorismo”, e ora gli inquirenti dovranno capire qual era la natura esatta del pericolo. Per ora, si sa che a casa del principale sospetto sono state ritrovate una .44 Magnum e delle micce detonanti, che l’obiettivo era il presidente della Repubblica e che tutte le persone coinvolte, come confermato dall’Eliseo al quotidiano Est Républicain, erano militanti di estrema destra. Contattato dall’Express, il sindaco di Bouzonville (Mosella), Denis Paysant, ha affermato con sorpresa di non essere stato avvertito dell’operazione portata avanti dalla Dgsi nel suo comune. “Da noi non c’è nessun movimento di ultradestra attivo, anche se naturalmente, come dappertutto, ci sono dei militanti di estrema destra”, ha detto il primo cittadino di Bouzonville. Ma l’attivismo dei gruppuscoli dell’ultradestra in Francia è una realtà che da molti anni fa temere il peggio ai servizi segreti. “Rappresentano in Francia 1.500/2.000 persone, e tra queste c’è un nocciolo duro capace di passare all’attacco”, spiegava a settembre l’ex ministro dell’Interno Gérard Collomb. Soltanto un anno fa, dieci persone che gravitavano attorno a questo universo erano state fermate nei dipartimenti Bocche del Rodano, nel sud della Francia, e Seine-Saint-Denis, a nord di Parigi, perché sospettati di preparare un attacco terroristico contro Castaner, che non era ancora ministro dell’Interno, e il leader della France Inoumise, Jean-Luc Mélenchon. Gli individui arrestati erano in contatto con Logan N., militante di estrema destra oggetto di “fiche S” (la schedatura con cui i servizi marchiano le persone considerate potenzialmente pericolose per la sicurezza della République). Fermato nel giugno 2017 dopo che i servizi avevano scoperto che gestiva una pagina Facebook che celebrava il terrorista norvegese Anders Breivik, che nel 2011 ha ucciso 77 persone, Logan N. era il cervello del progetto di azione violenta contro i due esponenti politici. Lo stesso Macron, lo scorso anno, era stato il bersaglio di un altro progetto di attentato. Un giovane di 23 anni, che si era descritto come “nazionalista”, stava pianificando di attaccare il presidente durante la sfilata del 14 luglio sugli ChampsElysées. L’ex capo della Dgsi Patrick Calvar, davanti ai deputati dell’Assemblea nazionale, si esprimeva in questi termini nel 2016: “L’ultradestra non aspetta altro che lo scontro con l’islamismo radicale (…) Siamo sull’orlo della guerra civile”.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT