sabato 17 novembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Unrwa, strumento dell'odio contro Israele. I rifugiati veri e quelli inventati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
07.11.2018 Asia Bibi e l'Italia
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 07 novembre 2018
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Asia Bibi in Italia»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 07/11/2018, a pag.1, con il titolo "Asia Bibi in Italia" l'analisi di Giulio Meotti.

Immagine correlataImmagine correlata
Giulio Meotti                   Asia Bibi

Roma. “Chiedo al governo italiano di far uscire dal Pakistan me e la mia famiglia, siamo in pericolo”. Questo l’appello lanciato ieri tramite Aiuto alla chiesa che soffre da Ashiq Masih, il marito di Asia Bibi, la cristiana condannata all’impiccagione per “blasfemia” e assolta dalla Corte suprema, ma che non può lasciare il paese a causa delle proteste dei fondamentalisti islamici. “Mi lasceranno uscire veramente?”, aveva detto Asia Bibi dal carcere dopo l’assoluzione. La gioia per la sentenza è durata appena 24 ore. Ieri il governo pakistano ha annunciato di aver iniziato l’iter per inserire Asia Bibi in una no fly list. Equivarrebbe a una condanna a morte. Ci si muove in Europa. Ieri, dalla Francia, il leader dei Républicains, Laurent Wauquiez, e il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, hanno chiesto al presidente Emmanuel Macron di dare l’asilo ad Asia Bibi. “Ne va della vita di una donna, ma anche della civiltà di fronte alla barbarie islamista” ha detto Wauquiez. Anche l’esperto di diritti umani della Cdu di Angela Merkel, Michael Brand, ha richiesto di far riparare Asia Bibi in Germania. “Dobbiamo compiere ogni sforzo perché Asia Bibi possa vivere in libertà e sicurezza”, ha detto Brand. Anche la politica italiana ha iniziato a muoversi. “Ci stiamo lavorando con altri paesi occidentali”, ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. L’ex premier, Paolo Gentiloni, ha invitato il governo italiano a “fare tutti i passi necessari per accogliere in Italia Asia Bibi”. “Ci sarà una guerra se manderanno Asia fuori dal paese”, ha avvertito Khadim Hussain Rizvi, leader di Tehreek-e-Labbaik Pakistan, il partito islamista che sostiene le leggi sulla blasfemia. Gli islamisti sanno bene cosa c’è in gioco nel caso di Asia Bibi: un Pakistan più tollerante, una sconfitta della sharia e un po’ di speranza per i cristiani perseguitati. Ieri Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, ha chiesto alle autorità pachistane di dare ad Asia Bibi i documenti di viaggio necessari. “Le leggi europee prevedono la protezione per coloro che sono minacciati a causa della propria fede”, ha detto Tajani. I familiari di Bibi sono nascosti in una località segreta. “E’ quasi certo che Bibi non sarà in grado di vivere in Pakistan dopo l’assoluzione”, ha scritto sul New York Times il famoso romanziere pachistano Mohammed Hanif. La vicepresidente della Camera, Mara Carfagna, si è rivolta al governo italiano “affinché accolga Asia Bibi”. Lo stesso ha fatto la capo della delegazione Pd all’Europarlamento, Patrizia Toia, che ha scritto al presidente del Consiglio Conte e al ministro degli Esteri Moavero, “per sollecitare un’azione del governo italiano in favore di Asia Bibi”. Simile la dichiarazione di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia. Che la famiglia di Asia Bibi si sia rivolta all’Italia dovrebbe renderci orgogliosi. E’ una grande causa umanitaria offrire asilo a una donna poverissima, cristiana e perseguitata per la propria fede. Come salvare i cristiani perseguitati in Iraq quando non riusciamo a tirare fuori da questo terribile limbo una cittadina pachistana? Che la situazione per i cristiani di quel paese sia drammatica lo dimostra il silenzio in cui ieri si è rifugiato il vescovo anglicano Michael Nazir Ali, che si trova proprio in Pakistan. Interpellato dal Foglio sulla vicenda, Nazir Ali ha chiesto di commentare “soltanto quando sarò uscito dal paese”. I giudici, nella loro assoluzione di Asia Bibi, hanno citato Shakespeare: “Sembra essere una persona, nelle parole di Re Lear, ‘più vittima di un peccato che una peccatrice’”. Aiuteremo Asia Bibi prima che faccia la fine dei cristiani egiziani massacrati dall’Isis la scorsa settimana?

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT