domenica 21 ottobre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks: 'Ecco il nuovo antisemitismo' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
08.10.2018 Il caso Kavanaugh e la sinistra progressista
Analisi tratta da Times

Testata: Il Foglio
Data: 08 ottobre 2018
Pagina: 2
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Tom Wolfe, Brett Kavanaugh e la sharia al contrario dei Democratici»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 08/10/2018, a pag. II, l'analisi "Tom Wolfe, Brett Kavanaugh e la sharia al contrario dei Democratici" tratta dal Times.

Immagine correlata
Brett Kavanaugh

Tom Wolfe non avrebbe potuto scriverlo meglio”, scrive Niall Ferguson sullo scontro al Senato americano attorno alla nomina del giudice Brett Kavanaugh. “Ford v Kavanaugh – la personificazione dello scisma nel cuore della vita americana di oggi. Non tanto donna contro uomo quanto Democratico contro Repubblicano. Non c’era uno straccio di prove per confermare i ricordi di quello che dicevano. Avendo visto Ford testimoniare, ho pochi dubbi che lei creda che quello che ha detto sia vero. Ma come storico che ha passato molte ore a intervistare le persone sugli eventi passati, comprese questioni molto personali, non ritengo che ciò sia abbastanza per distruggere la reputazione di un giudice distinto. Anche la memoria di Kavanaugh è improbabile che sia perfetta. Ma la sua storia è più plausibile. Il movimento #MeToo è un femminismo rivoluzionario. Come tutti i movimenti rivoluzionari, favorisce la giustizia sommaria. Dall’aprile 2017 più di 200 uomini di spicco sono stati accusati pubblicamente di un reato sessuale, che va dallo stupro al linguaggio inappropriato. Alcuni sembrano aver commesso crimini e vengono perseguiti di conseguenza – in particolare il magnate di Hollywood Harvey Weinstein, che nega tutte le accuse di sesso non consensuale.

Immagine correlata
Niall Ferguson

Ma il #MeToo sembra aver accomunato stupri, aggressioni, passaggi goffi e scherzi in un unico crimine di tutti i tipi. La reputazione è distrutta e le carriere terminate. ‘Le credo’ sono le parole fatidiche che, se pronunciate da abbastanza persone, svolgono i ruoli di giudice e giuria. Le molestie sessuali sono cattive, nessun dubbio. Tuttavia una minaccia molto più grande ai diritti delle donne è ampiamente ignorata dalle femministe occidentali. Come ricorda mia moglie Ayaan Hirsi Ali, il versetto 2: 282 del Corano afferma che la testimonianza di una donna vale solo la metà della testimonianza di un uomo in tribunale (alcune persone vogliono l’opposto per Ford vs Kavanaugh). Ovunque venga imposta la sharia – dai campi armati dell’Isis alle corti della sharia nei paesi a maggioranza musulmana – sono le donne che perdono. I Democratici del Senato se ne prenderanno cura? No. Quando mia moglie ha testimoniato su questo argomento l’anno scorso, l’hanno ignorata. Il character assassination di Kavanaugh è ovviamente parte di una più ampia campagna contro Donald Trump. Sta funzionando. L’Amministrazione Trump governa la più forte performance dell’economia statunitense dall’inizio del secolo. Eppure il presidente ha l’approvazione di solo il 44 per cento circa degli elettori e si prevede che il suo partito perderà la maggioranza nella camera bassa del Congresso alle elezioni di metà mandato di novembre. Per la prima volta nella sua storia, gli Stati Uniti sono seriamente minacciati di essere superati economicamente e tecnologicamente da un altro paese. Eppure, quando Trump cerca di controllare l’ascesa della Cina con i pochi mezzi che restano a portata di mano, è condannato da esperti di politica estera per aver interrotto quello che chiamano ‘l’ordine internazionale liberale’. L’ordine internazionale è preferibile all’alternativa, ovviamente. Il XX secolo fu un bagno di sangue. Ma si è concluso con una vittoria per il mondo libero rispetto a un altro stato mono-partitico con un talento particolare per rubare la nostra proprietà intellettuale. Quella partita fu vinta perché gli Stati Uniti – indipendentemente dal partito al potere – erano fermi contro il comunismo sovietico. Qualunque ordine internazionale emerso dalla Guerra fredda, merita di essere definito conservatore quanto liberale. Rappresentava il trionfo degli ideali di libertà economica e politica – e il loro fondamento, lo stato di diritto – che deve tanto ai Tories quanto ai Whigs. Lasciatemi offrire due ipotesi sul perché siamo in questo pasticcio. La prima è che le istituzioni educative delle élite del mondo sono ora così dominate da liberisti e progressisti sedicenti che una proporzione sempre crescente di persone in altre istituzioni d’élite – imprese, media, agenzie governative – ora sottoscrive in tutto o in parte la loro ideologia. Chiedete ai tirocinanti di oggi se pensano che ci debbano essere dei limiti alla libertà di parola in modo che le persone ‘si sentano al sicuro’. Chiedete loro se i ‘pregiudizi impliciti’ sono qualcosa a cui tutti i bianchi sottostanno. Chiedete loro se il conseguimento della ‘diversità’ è più importante della promozione sul merito. Le risposte saranno per lo più ‘sì’. La politica dei campus si sta diffondendo. Presto anche a voi verrà chiesto di indicare i vostri pronomi preferiti all’inizio di ogni riunione. Forse anche voi sarete accusati di un crimine sessuale di trent’anni fa. La mia seconda ipotesi è che l’ascesa di piattaforme internet come Facebook, YouTube e Twitter abbia peggiorato in modo disastroso la polarizzazione degli Stati Uniti. Perché è sui cosiddetti social media che ora si svolgono i processi spettacolo del nostro tempo, come sa chiunque abbia seguito l’udienza di giovedì su Twitter”. Lo stato di diritto, è la conclusione di Ferguson sul Times, “può essere ucciso in più di un modo. Negli incubi liberal un presidente dispotico abbatte la Costituzione alla maniera di un caudillo latinoamericano. Ma negli incubi conservatori i laureati della Yale Law School concordano sul fatto che la giustizia sociale sarebbe meglio servita scartando la presunzione di innocenza e facendo affidamento ai sondaggi di Twitter per determinare la colpevolezza. Se solo Tom Wolfe fosse ancora in giro per scrivere ‘Il falò degli studi legali’…”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT