sabato 15 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
10.08.2018 Le parole di Boris Johnson sul burqa e l'islamismo in Inghilterra
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 10 agosto 2018
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «C’è un guaio con croci e burqa a Londra»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 10/08/2018, a pag. 3, l'editoriale "C’è un guaio con croci e burqa a Londra".

Immagine correlata
Boris Johnson - una donna islamica con il burqa

L’ex ministro degli Esteri inglese, Boris Johnson, è sotto indagine: il Partito conservatore britannico ha infatti annunciato un’inchiesta da parte di un comitato interno per eventuali violazioni del codice di condotta da parte di Johnson. Il motivo? Qualche giorno fa sul Daily Telegraph aveva definito il velo integrale, il burqa o niqab, un simbolo di “oppressione”, e aveva paragonato sarcasticamente le donne che lo indossano a dei “rapinatori di banca” e alle “cassette per le lettere”. Il linguaggio di Johnson è quello che è, e dovremmo essere abituati (vaccinati?) ai truci personaggi della politica contemporanea. Ma le parole di Johnson dovrebbero servire anche a un’altra riflessione. Se il 60 per cento dei conservatori inglesi pensa che il burqa dovrebbe essere bandito dai luoghi pubblici, all’interno del Partito c’è chi la pensa diversamente, e lo fa con parole e argomentazioni magari più pacate, ma che nascondono una trappola inevitabile. La leader del partito conservatore scozzese, Ruth Davidson, replicando alle dichiarazioni di Boris Johnson, ha detto che “chi indossa il burqa dovrebbe essere difeso nello stesso modo in cui si difendono i cristiani che indossano un crocifisso”. Vuol dire che non c’è alcuna differenza tra simboli cristiani e simboli islamici, perché ognuno è libero di professare qualsivoglia religione. Ma c’è una differenza da considerare. Se nel nome del politicamente corretto qualcuno è costretto a dire che un simbolo di sottomissione, di violazione delle libertà individuali, è un simbolo religioso, vuol dire che quella religione si scontra con gli inviolabili valori occidentali. La croce e il burqa non sono la stessa cosa.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT