venerdi 19 ottobre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks: 'Ecco il nuovo antisemitismo' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
08.08.2018 Inghilterra: le scuse pelose di Jeremy Corbyn e l'antisemitismo dilagante nel Labour
Gli scandali non accennano a finire

Testata: Il Foglio
Data: 08 agosto 2018
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Nessuna toppa basta al Labour»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 08/08/2018 a pag. 3, l'editoriale "Nessuna toppa basta al Labour".

Rimandiamo per approfondire al nostro commento del 06/08/2018: http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=8&sez=120&id=71603

Ecco il pezzo:

Immagine correlata
Al centro Jeremy Corbyn

Jeremy Corbyn, leader del Partito laburista britannico, aveva tentato, di malavoglia e con scarsa convinzione, di porre fine alle accuse di antisemitismo che da mesi colpiscono il suo partito e soprattutto i suoi fedelissimi. Venerdì ha pubblicato un editoriale sul Guardian in cui ha ammesso che il problema dell’antisemitismo dentro al Labour è reale e ha promesso che farà di tutto per estirparlo; domenica ha pubblicato un video sui social media in cui ha ribadito gli stessi concetti. In entrambi i casi, tuttavia, non ha mosso un passo per risolvere il problema. Non si è espresso sull’inserimento nello statuto del partito della definizione di antisemitismo promossa dalla International Holocaust Remembrance Alliance, una mossa che aiuterebbe a fugare molti dubbi (e a cacciare qualche parlamentare), né ha chiesto la fine delle inchieste interne contro i parlamentari laburisti Ian Austin e Margaret Hodge, entrambi parenti di vittime dell’Olocausto, messi sotto indagine dal loro partito perché hanno osato contestare la linea e protestare per le troppe sparate antisemite. Non è un caso dunque che domenica siano stati proprio i corbynisti più fedeli a lanciare l’attacco contro Tom Watson, vice leader del partito, che ha detto all’Observer che il Labour rischia di “sparire in un vortice di vergogna eterna” se non risolve in fretta e con massima severità il problema dell’antisemitismo.


Jeremy Corbyn: 'Sto facendo qualcosa!'

Immediatamente, dai ranghi corbynisti è partita la campagna #ResignWatson, culminata in questo post su Facebook di George McManus, membro della direzione laburista: “Apprendo che Watson ha ricevuto più di 50 mila sterline da donatori ebrei. Almeno Giuda si era accontentato di 30 denari”. Lo scandalo è stato tale che McManus è stato costretto a dimettersi, e Corbyn infine ha deciso di chiudere l’indagine interna su Margaret Hodge. Ma nessuna toppa è sufficiente. Il Labour di Jeremy Corbyn è infettato di antisemitismo fino alle radici.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT