domenica 16 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
14.05.2018 Elogi a Donald Trump perfino sul Foglio: 'Bene sull'Iran'
Analisi tratta (sorpresa!) dal New York Times

Testata: Il Foglio
Data: 14 maggio 2018
Pagina: 2
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Bravo Trump sull’Iran, ora continui»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 14/05/2018, a pag.II, con il titolo "Bravo Trump sull’Iran, ora continui", l'analisi tratta dal New York Times.

Perfino il Foglio comincia a riconoscere i meriti in politica estera di Donald Trump. Qualcosa sta cambiando?

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Benjamin Netanyahu con Donald Trump

Di tutti gli argomenti dell’Amministrazione Trump per onorare l’accordo nucleare con l’Iran, nessuno era più risibile dell’idea che abbiamo dato la nostra parola come paese”, scrive Bret Stephens. “Nostra? L’Amministrazione Obama si rifiutò di sottoporre l’accordo al Congresso come un trattato, sapendo che non avrebbe mai avuto i due terzi del Senato per andare avanti. Solo il 21 per cento degli americani ha approvato l’accordo nel momento in cui è andato in porto, contro il 49 per cento che non lo ha fatto, secondo un sondaggio del Pew. L’accordo ‘passò’ sulla base di un ostruzionismo democratico di 42 voti, contro l’opposizio - ne bipartisan e maggioritaria (…) L’allentamento delle sanzioni ha fornito a Teheran ulteriori mezzi finanziari con cui finanziare le sue depredazioni in Siria e le sue milizie nello Yemen, in Libano e altrove. Qualsiasi tentativo di contrastare l’Iran sul terreno in questi luoghi significherebbe combattere le stesse forze che stiamo effettivamente alimentando. Perché non basta interrompere l’alimentazione? Gli apologeti rispondono che il prezzo è degno di essere pagato perché l’Iran ha sospeso gran parte della sua produzione di combustibile nucleare per i prossimi anni. Gli apologeti sostengono anche che, con la decisione di Trump, Teheran ricomincerà semplicemente le sue attività di arricchimento su scala industriale. Forse lo farà, forzando una crisi che potrebbe finire con strike degli Stati Uniti o degli israeliani sui siti nucleari dell’Iran. Ma ciò che il regime vuole è una rinegoziazione, non una resa dei conti. L’economia iraniana è appesa a un filo: il Wall Street Journal di domenica riportava di ‘centinaia di recenti scoppi di disordini sindacali in Iran, un’indicazione di approfondimento della discordia sui problemi economici della nazione’. Questa settimana, il rial ha raggiunto un minimo storico di 67.800 dollari; un membro del parlamento iraniano ha stimato 30 miliardi di dollari di deflussi di capitali negli ultimi mesi. Sono soldi veri per un paese il cui prodotto interno lordo corrisponde a quello di Boston. Il regime potrebbe calcolare che una strategia di confronto con l’occidente potrebbe suscitare fervori nazionalisti. Ma dovrebbe procedere con cautela: gli iraniani sono già furiosi perché il loro governo ha sperperato i proventi dell’accordo sul nucleare per sostenere il regime di Assad. Le condizioni che hanno portato al cosiddetto movimento verde del 2009 ci sono ancora una volta. Tutto ciò significa che l’Amministrazione è in una posizione di forza per negoziare un accordo fattibile. L’obiettivo è mettere i governanti iraniani in una scelta fondamentale. Possono scegliere di avere un’economia funzionante, senza sanzioni e aperta agli investimenti, al prezzo di rinunciare, in modo verificabile e irreversibile, a un’opzione nucleare e abbandonare il loro sostegno ai terroristi. Oppure possono perseguire le loro ambizioni nucleari a costo della rovina economica e della possibile guerra. Ma non hanno più diritto al dolcissimo accordo di Barack Obama. La coraggiosa decisione di ritirarsi dall’accordo nucleare chiarirà la posta in gioco per Teheran”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT