martedi` 24 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
20.12.2013 L'antisionismo è una forma di antisemitismo da combattere
non è diverso da quello di stampo nazista che ha portato alla Shoah

Testata: Il Foglio
Data: 20 dicembre 2013
Pagina: 3
Autore: Editoriale del Foglio
Titolo: «La Shoah non è un museo»

Riportiamo dal FOGLIO di oggi, 20/12/2013, a pag. 3, l'editoriale dal titolo "La Shoah non è un museo".
La prima riga è quanto mai ambigua. Non c'è nessuna polemica "tra Renato Brunetta e la comunità ebraica". Esiste una frase vergognosa, detta da Brunetta: "il finanziamento al Museo della Shoah alla Stazione Centrale di Milano è una marchetta". La comunità ebraica - ma non solo - ha reagito, giustamente indignata.


L'antisionismo E' antisemitismo. Renditene conto

Ecco l'editoriale:

L’inutile polemica fra Renato Brunetta e la comunità ebraica sul memoriale della Shoah a Milano è un “classico dell’antisemitismo del passato”, come è stato definito dagli storici. Poi c’è “l’antisemitismo fattivo”, l’odio politico, morale e religioso per gli ebrei vivi, la Shoah che lancia riverberi agghiaccianti sul presente. A Gaza, Hamas ha cancellato letteralmente lo stato ebraico dai suoi libri di testo scolastici. La Torah e il Talmud vengono definiti come “falsi” e Israele come un usurpatore da annientare. Tutta la storia ebraica viene bollata come un “mito”, una cospirazione, una impostura che crollerà assieme alle linee di difesa dell’esercito israeliano. Attraversiamo una fase molto critica per la sopravvivenza dello stato ebraico, mentre si avvertono i segni di una ripresa fulminante dell’antisemitismo in Europa occidentale, nelle sue capitali, università e redazioni dei giornali. Non c’è più l’indifferenza morale della cosiddetta società civile. Ma c’è qualcosa di più. Si tratta della deformazione ideologica della verità in tempo e in tema di guerra e di pace, con la fatale separazione fra ebrei e Israele su cui giocano gli ayatollah. Questi ultimi costruiscono l’assedio a Israele e a quel che resta della diaspora europea tramite un movimento molto più robusto e ampio di quanto non sembri: il fronte della menzogna. E’ questo che ci dice la decisione di Hamas sui libri di scuola. Su questo dovrebbero riflettere e scaldarsi i nostri custodi della memoria. Perché la retorica pseudoeducativa sull’antisemitismo è spesso evocata per impedire, proibire, riconoscere la realtà attuale, di chiamare le cose con il loro nome. Mentre tutta la nostra vigilanza morale veglia sui sei milioni di ebrei morti, esponiamo i sei milioni di ebrei vivi alla violenza genocida. La Birkenau virtuale, museale e di plastica che stanno riproducendo nel cuore di Roma serve a poco. C’è quella vera, a Oswiecim, per chi volesse comprendere, con tanto di camere a gas diroccate. Occupiamoci, invece, della Birkenau nucleare che l’Iran e i suoi sodali vogliono costruire in medio oriente e dei rimpalli schiamazzanti dell’antigiudaismo nel nostro tempo.

Per inviare la propria opinione al Foglio, cliccare sull'e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT