venerdi 21 settembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

PerchÚ l'antisionismo Ŕ antisemitismo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

ShanÓ tovÓ! Buon anno 5779 da Benjamin Netanyahu e da IC (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
26.05.2012 Il Festival di Cannes rifiuta di trasmettere il film antisemita di DieudonnÚ
una buona notizia

Testata: Il Foglio
Data: 26 maggio 2012
Pagina: 2
Autore: Redazione del Foglio
Titolo: «La saggia scelta di Cannes sul lungometraggio antisemita di DieudonnÚ»

Riportiamo dal FOGLIO di oggi, 26/05/2012, a pag. 2, l'articolo dal titolo "La saggia scelta di Cannes sul lungometraggio antisemita di DieudonnÚ".


DieudonnÚ

Roma. C’Ŕ poco da ridere per DieudonnÚ M’bala M’bala, il comico francese che da anni mette in scena l’odio antisemita e il lazzo politicamente scorrettissimo dell’antirazzismo. I responsabili del Festival di Cannes, giovedý sera, hanno chiesto e ottenuto l’annullamento della proiezione di “L’AntisÚmite”, primo lungometraggio del controverso umorista camerunense d’origine. Il film non era in concorso, e nemmeno in mostra nelle sezioni parallele. Voleva solo sfruttare la grande visibilitÓ internazionale offerta da Cannes, per trovare un distributore all’estero, ma Ŕ stato bloccato.
“Le nostre condizioni generali vietano la presenza di film che urtano l’ordine pubblico o le convizioni religiose, come pure di film pornografici o che incitino alla violenza”, ha spiegato all’Agence France Presse il direttore del mercato del film del Festival di Cannes, JÚr˘me Paillard, lasciando poco spazio all’interpretazione. Una bella sberla per il discusso umorista, che corteggia le idee del Fronte nazionale dopo una militanza a sinistra, e da anni Ŕ abituato a dare scandalo.
Il film, intitolato anche “Yahod Setiz”, Ŕ un cortometraggio girato in appena nove giorni, e co-prodotto da una societÓ iraniana, ma non era destinato al circuito cinematografico e nemmeno alla distribuzione su Internet. Il 16 aprile scorso, infatti, una sentenza del tribunale di Parigi ha dato ragione ai responsabili della Licra, la Lega contro il razzismo e l’antisemitismo, che denunciandone “un trouble manifestement illicite”, avevano ottenuto dai magistrati il divieto di fare uscire il film in sala.
Da allora, il cortometraggio pu˛ circolare solo in dvd. Ma giÓ il solo “teaser” ha destato imbarazzo per l’aperta irrisione di Auschwitz e della tragedia dello sterminio ebraico da parte dei nazisti. Il comico DieudonnÚ, oltre a essere il regista del film, ha scelto per sÚ il ruolo di attore protagonista, vestendo i panni di un alcolizzato, violento e antisemita, che per un ballo in maschera si traveste da ufficiale nazista di colore, la cui moglie gli fa promettere in punto di morte di farsi curare, spingendolo cosý sul lettino di uno psicanalista ebreo. La presenza nel casting del negazionista Robert Faurisson, lo studioso che negli anni Ottanta neg˛ l’esistenza delle camere a gas ad Auschwitz e lo sterminio di sei milioni di ebrei per mano di Hitler, che nel film recita nella parte di se stesso suscita non poche perplessitÓ. Come pure la personificazione della Shoah come santa. Un po’ troppo anche per Cannes.

Per inviare la propria opinione al Foglio, cliccare sull'e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT