venerdi 06 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
15.01.2010 Con Obama l'islam ancora pi¨ intollerante
Analisi del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 15 gennaio 2010
Pagina: 1
Autore: La redazione del Foglio
Titolo: «Con Obama il mondo islamico Ŕ arretrato molto sulla libertÓ»

Riportiamo dal FOGLIO di oggi, 15/01/2010, in prima pagina, l'articolo dal titolo "áCon Obama il mondo islamico Ŕ arretrato molto sulla libertÓ e la democrazia. L’Iraq avanza ".

Doveva essere l’anno della mano tesa al mondo arabo. “Obama fa la pace con l’islam”, proclamarono i giornali italiani nell’anno del suo magniloquente discorso al Cairo. Era anche l’anno del dialogo con i mullah iraniani. Un nuovo rapporto di Freedom House spezza invece le illusioni obamiane: nel 2009 il mondo arabo islamico Ŕ scivolato verso autocrazie, satrapie, dittature e torture. La celebre ong fondata da Eleanor Roosevelt, oltre ad analizzare la diffusione dei principi democratici nel mondo col rapporto annuale “Freedom in the World”, si occupa di sostenere i gruppi locali che promuovono la nascita di istituzioni democratiche o le difendono da attacchi autoritari. “Erosione globale della libertÓ”, recita l’ultimo rapporto. Un anno disastroso per il mondo arabo, con una sola eccezione: l’Iraq. Non ci sono soltanto le peggiori repressioni in Iran dal molti anni. Persino la “moderata” Giordania, come il Bahrain e lo Yemen, Ŕ retrocessa da “parzialmente libera” a “non libera”. L’Egitto ha visto un’impennata di repressioni (ultima la strage di cristiani). Declinano Marocco e Territori palestinesi. Scrive Freedom House che tutti quei paesi che “avevano mostrato intenzioni riformiste negli anni passati” hanno visto un tragico arretramento. Paesi che avevano beneficiato della democratizzazione del medio oriente con Bush. La Giordania Ŕ in grave declino dopo la decisione del re di dissolvere il parlamento e posticipare le elezioni. Migliora il Libano della “rivoluzione dei cedri”. Le elezioni regionali in Iraq, persino sotto la recente ondata di attacchi kamikaze, fanno di Baghdad un modello di democrazia araba. L’Iraq si trova nella stessa griglia di paesi come Taiwan e Serbia. A conferma dei dati di Freedom House c’Ŕ un altro rapporto, stavolta tutto arabo, del Cairo Institute for Human Rights, prestigiosa casa di ricerche indipendente. A dominare nel 2009 i dodici paesi analizzati sono state repressione di diritti umani, soppressione della libertÓ di stampa e discriminazioni contro le minoranze. “La situazione Ŕ peggiorata molto rispetto al 2008”. L’istituto del Cairo accusa Obama, definendolo “completamente nemico delle riforme e dei diritti umani nella regione”, con la Casa Bianca in dismissione rispetto alle aperture degli ultimi anni. Obama aveva giÓ tagliato fondi per la libertÓ ovunque nell’islam, dal Cairo a Teheran. Non soltanto il messaggio obamiano non ha spinto il mondo arabo a progredire. La mano tesa sembra aver avuto come effetto la rassicurazione che autocrati e mullah potevano sentirsi al sicuro. I ricercatori del Cairo sono spietati con Obama: “L’ultimo slancio di vita Ŕ stato spezzato con l’arrivo della nuova amministrazione”.

Per inviare la propria opinione al Foglio, cliccare sull'e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT