lunedi` 18 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
19.06.2008 Il cessate il fuoco tra Israele e Hamas non ha nulla a che vedere con il "dialogo" che vorrebbe D'Alema
le analisi di Vittorio Emanuele Parsi, Fiamma Nirenstein , Gideon Meir

Testata: Il Foglio
Data: 19 giugno 2008
Pagina: 1
Autore: la redazione
Titolo: «Ma allora dialogare col nemico si può?»

Da Il FOGLIO del 19 giugno 2008, un articolo che finisce per rispondere "no" (nella particolari circostanze del Medio Oriente) alla domanda del titolo: "Ma allora dialogare col nemico si può"? , almeno se pre dialogo si intende quello propugnato da D'Alema.
Alla domanda  "Che avesse ragione D'Alema", dunque, la risposta è un no ancora più deciso.

Ecco il testo:


Roma. Ma allora è lecito parlare con il nemico? Dal sostegno di Condoleezza Rice al nuovo governo libanese dominato da Hezbollah alla tregua fra Israele e Hamas, la ragione sembra pendere dalla parte di un fautore del dialogo con Hamas e l’Iran come l’ex ministro degli Esteri, Massimo D’Alema. La Francia annuncia che il presidente siriano Bashar el Assad siederà allo stesso tavolo degli israeliani al summit del 13 luglio a Parigi tra Ue e i paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Secondo Michael Leeden, autore di “The Iranian Time Bomb”, il modello D’Alema rafforza i nemici. “L’occidente ha trattato con l’Iran per trent’anni e quando dico Iran dico anche Hamas e Hezbollah. Tutti i presidenti americani, da Jimmy Carter a Bush, hanno negoziato con Teheran. I risultati li vediamo. Einstein ha definito pazzo colui che fa sempre la stessa cosa sperando in un esito diverso”. “Israele continua per vie indirette a cercare un modo per riavere il soldato Shalit indietro”, spiega Vittorio Emanuele Parsi, docente di Relazioni Internazionali all’Università Cattolica di Milano. “E in politica la forma è tutto. Il segretario di stato Rice non parla a Hezbollah, ma al governo libanese. Sarebbe diverso se ci fosse un esecutivo Hezbollah. D’Alema a Beirut prese sotto braccio la forza che persegue la fine di Israele e che teneva in scacco il governo Siniora. Può anche aver ragione D’Alema nella parte sull’eccessiva critica rivolta alla sua politica. Ma le due situazioni sono diverse”. Fiamma Nirenstein, parlamentare del Pdl, separa il metodo israeliano da quello D’Alema: “A parlare con Hamas è l’Egitto, non Israele. Ci dev’essere sempre un dialogo per salvare delle vite umane. Altra cosa è sedersi a tavola con gli assassini come se fossero uguali a noi. E’ l’errore di chi, come D’Alema, va a braccetto con Hezbollah. E’ sbagliato non il dialogo in sé, ma l’equivalenza e l’indifferenza. La nostra identità è diversa da quella jihadista, non beviamo assieme a loro”. L’ambasciatore israeliano in Italia, Gideon Meir, assume una posizione di pragmatismo. “Non è una negoziazione fra Israele e Hamas, ma tramite l’Egitto”, spiega al Foglio Meir. “Hamas non ha cessato la sua attività assassina, ha investito in armi e miseria. Non poteva far altro che cedere alla richiesta dell’Egitto di un cessate il fuoco. A Gaza la vita è miserabile, Hamas perde terreno, la gente muore di fame e la protesta cresce. Da qui la decisione di una tregua. A differenza di Hamas, noi dobbiamo combattere casa per casa senza sparare sui civili. Per questo abbiamo deciso di dare una chance all’Egitto e al capo dell’intelligence Omar Suleiman per un cessate il fuoco. Tuttavia, resta un accordo molto fragile”. Meir non nomina D’Alema, ma ribadisce che ogni dialogo con Hamas è inaccettabile. “A meno che Hamas non accetti le tre condizioni internazionali: che rinunci alla violenza, riconosca Israele e si impegni a rispettare gli accordi sottoscritti dall’Anp nelle sedi internazionali. Senza un accordo simile, non ci sarà mai dialogo. Chi vuole parlare a Hamas, sappia che parla con chi persegue la distruzione di uno stato”. Hamas significa Teheran. “Hamas è un ramo dell’Iran, come Hezbollah. Hamas è stata addestrata da Teheran, le loro armi vengono dall’Iran, perché l’Iran è il più grande esportatore di terrorismo al mondo. Il governo italiano deve essere ringraziato sul dossier Iran, per come si oppone al presidente Ahmadinejad. Un uomo che fomenta un nuovo Olocausto mentre costruisce armi nucleari. Per Hezbollah, vale lo stesso. L’Iran decide come e quando porre Israele sotto pressione attraverso Hezbollah. Ahmadinejad ricorda in tutto un uomo che prese il potere nel 1933 in Germania. Abbiamo imparato la lezione della storia


Per inviare una e-mail alla redazione del Foglio cliccare sul link sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT