giovedi` 26 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le radici della legittimità di Israele: parla Alan Dershowitz (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Nazione Rassegna Stampa
23.10.2020 Usa, ecco perché Trump può ancora vincere
Commento di Cesare De Carlo

Testata: La Nazione
Data: 23 ottobre 2020
Pagina: 2
Autore: Cesare De Carlo
Titolo: «Ecco perché Trump può ancora vincere»
Riprendiamo da NAZIONE/RESTO del CARLINO/IL GIORNO di oggi 23/10/2020, a pag.2 con il titolo "Ecco perché Trump può ancora vincere", il commento di Cesare De Carlo.

New Texas poll shows virtual tie between Trump and Biden, soft ...
Joe Biden, Donald Trump

Archiviati i dibattiti presidenziali rispunta il fattore S. E S sta per "shy", timido. Chi è timido? Donald Trump? Ovviamente no. Ma una parte dei suoi elettori sì. Sono quelli che lo storico Casey Klofstad chiama gli "shy Trumpers", i trumpiani timidi. Furono loro quattro anni fa a rovesciare i pronostici che davano per strafavorita Hillary Clinton. La cosa si ripeterà il 3 novembre? È difficile ma non è da escludere. È difficile perché circa la metà delle schede elettorali arriverà per posta, il doppio rispetto al 2016. Paura del Covid. E i democratici sono più abili nello sfruttare le assurdità di un sistema elettorale che in una ventina di Stati non prevede alcuna identificazione. Al seggio basta presentare la bolletta del telefono o della luce. Immaginare quando si spedisce una scheda anonima! lo stesso di schede ne ho ricevute due. Sino a ieri i voti per posta erano 35 milioni. Presumibilmente due su tre democratici. Ma quest'anno i timidi sono presumibilmente più del 2016. Nei sondaggi non dicono per chi voteranno. Vogliono evitare di mettersi in cattiva luce nell'America del politically correct, sul posto di lavoro, fra i vicini. Per il 90 per cento dei giornali, delle tv, dei social media essere trumpiano ti espone all'accusa di razzismo, negazionismo pandemico, prevaricazione istituzionale. In conclusione: Biden, come la Clinton, potrebbe vincere il voto popolare e perdere quello elettorale. È già accaduto. Nel 2000 il democratico Gore ebbe più voti del repubblicano Bush ma alla Casa Bianca ci andò quest'ultimo. E così nel 1888 (Cleveland contro Harrison), nel 1876 (Tilden contro Hayes), nel 1824 (Jackson contro Adams). I timidi e gli indecisi saranno ancora determinanti? Trump ha tirato fuori la sua October Surprise, Biden e figlio in affari con l'Ucraina. Biden lo accusa di pagare tasse in Cina ma non in Usa. Intanto in Ohio sono alla pari. Nessuno è mai diventato presidente senza l'Ohio.

Per inviare la propria opinione, telefonare:
La Nazione: 055/ 2495111
Il Resto del Carlino: 051/ 6006111
Il Giorno: 02/ 277991
oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT