lunedi` 28 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cosa pensano davvero gli arabi palestinesi


Clicca qui






La Nazione Rassegna Stampa
08.07.2020 Usa verso le elezioni: siamo sicuri che Trump abbia giÓ perso?
Commento di Cesare De Carlo

Testata: La Nazione
Data: 08 luglio 2020
Pagina: 2
Autore: Cesare De Carlo
Titolo: «Ma siamo sicuri che Trump abbia giÓ perso?»
Riprendiamo da NAZIONE/RESTO del CARLINO/IL GIORNO di oggi 08/07/2020, a pag.2 con il titolo "Ma siamo sicuri che Trump abbia giÓ perso?", il commento di Cesare De Carlo.

New Texas poll shows virtual tie between Trump and Biden, soft ...
Joe Biden, Donald Trump

I virus, la recessione, il razzismo. Come pu˛ vincere, anzi rivincere? Trump sembra condannato. Ma anche quattro anni fa lo sembrava. La democratica Hillary Clinton aveva una decina di punti di vantaggio, tanti quanti ne ha ora Joe Biden. And˛ diversamente. I demoscopici ci spiegano che talvolta l'outsider gode di simpatie nascoste. Capita anche in Italia. Ma il presidente repubblicano questa volta non Ŕ un outsider. E un insider, anche se con l'ostilitÓ del 97 per cento della stampa. E in effetti la crisi multipla che investe gli Stati Uniti avviene under his watch, sotto il suo turno di guardia. Su di lui si scaricano le frustrazioni di quegli stessi elettori che appena sei mesi fa gli riconoscevano il merito del boom. Crescita, occupazione, redditi mai stati cosý alti da Reagan in poi. Ora il suo gradimento Ŕ al minimo. Alle elezioni mancano quattro mesi. Un'eternitÓ in politica, soprattutto quando si votano i candidati e non i partiti. Un altro esempio: otto anni fa il democratico Obama era in svantaggio rispetto al repubblicano Romney. Vinse. Stessa cosa nel 2004 e nel 2000 con George W Bush. Dunque Ŕ presto per dare Trump per spacciato. La Cina ci conta. Ma l'erratico Trump ha ancora buone carte. La prima Ŕ l'economia: il mese scorso sono stati creati quasi 5 milioni di posti di lavoro. Non male in piena pandemia. La seconda carta Ŕ il ritrovato sentimento generale per law and order. I saccheggi, gli incendi, le statue abbattute, la demonizzazione della storia mettono in secondo piano la protesta per la brutalitÓ delle polizie cittadine. La terza carta ha il volto iperliftato, gli occhi lucidi, il linguaggio incerto di Joe Biden. Le sue gaffes si combinano con le speculazioni sulla sua "cognitive capacity" (Fox News). Ha quasi 78 anni, una carriera logorante in Senato e poi da vicepresidente di Obama. I medici lo hanno confinato in casa per il contagio. Solo messaggi virtuali. MetÓ degli elettori democratici dichiara che voterÓ contro e non pro. Contro Trump e non a favore di Biden. In realtÓ Ŕ Trump l'avversario di Trump.

Per inviare la propria opinione, telefonare:
La Nazione: 055/ 2495111
Il Resto del Carlino: 051/ 6006111
Il Giorno: 02/ 277991
oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT