domenica 15 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Nazione Rassegna Stampa
28.05.2019 Emil Nolde, l'artista che Hitler considerava 'degenerato' era nazista
Commento di Roberto Giardina

Testata: La Nazione
Data: 28 maggio 2019
Pagina: 34
Autore: Roberto Giardina
Titolo: «Il pittore 'degenerato' era nazista»

Riprendiamo da NAZIONE/RESTO del CARLINO/IL GIORNO di oggi 28/05/2019, a pag.34, con il titolo "Il pittore 'degenerato' era nazista" il commento di Roberto Giardina.

Immagine correlata
Roberto Giardina

IL QUADRO, un'onda blu e verde con sullo sfondo una nuvola rosso fuoco, fino a poche settimane fa si trovava nello studio di Angela Merkel alla Cancelleria. Ora si può ammirare all'Hamburger Bahnhof di Berlino nella mostra dedicata a Emil Nolde (fino al 15 settembre). Ma non è un prestito. Frau Merkel non lo vuole indietro, e neanche un secondo quadro del pittore espressionista che era appeso sopra il suo divano, e inviato alla mostra. Era stata lei a scegliere i due dipinti nel deposito della Preissische Kultur Besitz, ma ignorava che l'artista fosse un fanatico ammiratore di Hitler.

Immagine correlataImmagine correlataImmagine correlata
Emil Nolde, Ezra Pound, Louis-Ferdinand Céline

È UNA STORIA paradossale. In una foto si vede Joseph Goebbels, il ministro della propaganda nazista, visitare nel 1937 a Monaco la mostra della Entartete Kunst, l'arte degenerata, condannata dal regime come antiariana e antitedesca. E alle spalle del ministro si intravedono due grandi tele di Nolde, pittore detestato da Hitler, come si sa artista mancato, che considerava le sue tele e gli acquarelli come schizzi di un bambino demente. Così, dopo la fine del III Reich, Nolde poté accreditarsi come una vittima del regime. Ma in realtà era un fanatico ammiratore del Führer, cui inviò decine di lettere e di suppliche. Non basta, Nolde era antisemita, e detestava i critici e i galleristi ebrei che, secondo lui, lo boicottavano. Ed arrivò a denunciare il pittore Max Pechstein come ebreo. E propose un suo piano al Führer per eliminare tutti gli ebrei dall'Europa. Hitler non gli rispose mai.

SI CHIAMAVA in realtà Emil Hansen, era nato in una famiglia di contadini a Nolde, da cui prese il nome d'arte, nel 1867, nello Schleswig Holstein, la regione danese che proprio in quell'anno fu conquistata dalla Prussia. Nolde a vent'anni si trasferi a Monaco per studiare arte ma fu respinto dagli ambienti accademici, che lui giudicava dominati dagli ebrei. Nella Germania del dopoguerra, alla ricerca di personaggi che si fossero opposti al nazismo, si chiusero gli occhi, e si cercò di dimenticare il suo passato, per la verità ignorato da molti. NEL 1968 uscì il romanzo Deutschstunde, lezione di tedesco, di Siegfried Lenz ispirato alla figura di Nolde, un pittore a cui il regime vieta di dipingere. Divenne un bestseller mondiale, in italiano fu tradotto nel '73 da Einaudi, e ora è ripresentato ripresentato da Neri Pozza. In effetti, i paesaggi di Nolde, i suoi acquarelli e pastelli di fiori, erano molto amati durante il III Reich, e comprati a caro prezzo anche da nazisti, come Hermann Göring, che non condividevano i gusti del Führer. Ma nel '41 il regime gli vietò di esporre e di vendere i suoi quadri. Eppure Nolde, scomparso nel 1956, era stato un seguace di Hitler fin dai primi tempi. Dopo, nella sua autobiografia "dimenticò" il passato scomodo, e la sua fondazione ha ripulito o occultato i circa venticinquemila documenti compromettenti. Solo a partire dal 2013 gli storici dell'arte hanno cominciato a denunciare il passato di Nolde. Ora si arriva a chiedere di togliere tutte le sue opere dai musei statali. Mentre in Italia si continuano a esporre i quadri di artisti compromessi con il fascismo, come Sironi, in Germania non si fa distinzione tra l'artista e le sue opere, a volte valide, si è più radicali, ed è vietato esporre i Nazikünstler.

Per inviare la propria opinione, telefonare:
La Nazione: 055/ 2495111

Il Resto del Carlino: 051/ 6006111
Il Giorno:
02/ 277991
oppure cliccare sulla e-mail sottostante
 


segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT