lunedi` 16 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Nazione Rassegna Stampa
04.06.2018 Addio a Wanda Lattes, partigiana e giornalista
Commento di Maurizio Naldini

Testata: La Nazione
Data: 04 giugno 2018
Pagina: 6
Autore: Maurizio Naldini
Titolo: «Ciao Wanda, pioniera delle giornaliste»

Riprendiamo oggi, 04/06/2018, a pag.6, dalla NAZIONE - FIRENZE, con il titolo "Ciao Wanda, pioniera delle giornaliste", il commento di Maurizio Naldini.

Immagine correlata
Maurizio Naldini

Immagine correlata
Wanda Lattes

HA LAVORATO fino all'ultimo giorno, da par suo. Attenta alle vicende fiorentine, senza mai cercare compromessi col potere o con la propria coscienza. Ma anche testimone attiva di una cultura globale che la port˛ ad avere rapporti costanti con Roma, con Gerusalemme, con gli Stati Uniti. Wanda non ebbe una vita facile, eppure seppe condurla con rara dignitÓ e coraggio. Nata da una famiglia ebraica nel 1922, era adolescente quando le leggi razziali sembrarono rubarle ogni speranza. Ma seppe reagire, fece parte della Resistenza, coltiv˛ comunque la sua attenzione per il mondo dell'arte, e quando la tragedia si concluse, nel '49 fu assunta come giornalista al Nuovo Corriere. Pass˛ poi al Giornale del Mattino e negli anni Sessanta approd˛ a La Nazione, prima come cronista, poi come responsabile della Terra Pagina.

ESSERE GIORNALISTA donna, in quegli anni, richiedeva una forza impari per avere il rispetto dei colleghi, ma anche per apparire credibile a quanti occorreva avvicinare nel mestiere. Wanda in questo fece scuola alle nuove generazioni. La sua forza era nella capacitÓ professionale. Ricordo quando dopo il restauro furono messe in piedi le statue dei bronzi di Riace. Ne fui avvertito, le segnalai la cosa, lei capý subito l'importanza dei due guerrieri. Volle un ampio servizio corredato da foto. Passarono pochissimi giorni, e i giornali di tutto il mondo cercavano notizie, foto, interviste. Aveva sposato Alberto Nirenstein, un polacco della brigata ebraica da cui ha avuto le tre figlie, Fiamma, Simona e Susanna, destinate ad una vita di successi fra gli Stati Uniti e Israele. E che le erano vicine, tenendole le mani, quando sabato sera ci ha lasciati. Insieme, le quattro donne di famiglia, unite da una vita mai banale e da un affetto profondo. Corrispondente del Corriere della Sera, Wanda era passata al Corriere Fiorentino al momento della sua fondazione. E qui aveva continuato a tenere uno stretto rapporto coi lettori nella rubrica delle lettere, comunque interessata all'arte e alla cultura. Ci incontravamo spesso, abitavamo a 100 metri di distanza. E sempre, incontrandola, mi parlava di giornali, di colleghi, di articoli. Nonostante l'etÓ, ormai quasi centenaria, ne sapeva senz'altro pi¨ di me. Giornalista sino alla fine, nella sua amata Firenze.

Per inviare la propria opinione alla Nazione, telefonare 055/2495111, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT