sabato 16 dicembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele: il racconto di Danny Ayalon
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La dichiarazione di Barack Obama sullo status di Gerusalemme, capitale d'Israele (cliccare sulla funzione 'sottotitoli' per inserire i sottotitoli in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La Nazione Rassegna Stampa
12.08.2017 Merkel vola nei sondaggi e visita la prigione della Stasi
Commento di Roberto Giardina

Testata: La Nazione
Data: 12 agosto 2017
Pagina: 8
Autore: Roberto Giardina
Titolo: «Merkel nella prigione della Stasi, quelle ombre sul passato»
Riprendiamo da NAZIONE/CARLINO/GIORNO di oggi, a pag. 8, con il titolo "Merkel nella prigione della Stasi, quelle ombre sul passato", il commento di Roberto Giardina.

Risultati immagini per Roberto Giardina
Roberto Giardina

Risultati immagini per angela merkel
Angela Merkel

VIAGGIO nel passato per Angela Merkel. A due giorni dalla ricorrenza della costruzione del muro (13 agosto 1961) la Cancelliera è andata in visita alla prigione della Stasi, la polizia segreta della DDR, a Hoeheschönhausen, un quartiere di Berlino. Un luogo di terrore, dove finivano senza processo gli opposiori del regime. Frau Angela ha deposto una corona insieme con una delle vittime di allora, Arno Brefke, ha ricordato con poche parole l'oppressione della dittatura rossa, che lei ha conosciuto, ma che ha superato indenne, senza compromessi, anche se continuano a girare voci senza prove su sue presunte complicità con la Stasi. Il suo governo ha stanziato nove milioni di euro per trasformare la prigione in un museo, un memoriale per le vittime della Germania comunista. Una visita elettorale, a cinque settimane dalle elezioni (il 24 settembre). Sembra più che improbabile che non vinca per la quarta volta e rimanga al potere per altri quattro anni, eguagliando l'era di Helmut Kohl (16 anni). Se si votasse domenica prossima, la CDU/CSU della Merkel otterrebbe il 40 per cento, e l'SPD dello sfidante Martin Schulz si fermerebbe al 24. Sarà invitale una replica della Grosse Koalition, ma si potrebbe avere un'alleanza risicata dei cristianodemocratici con i liberali, con un margine dell'uno per cento e circa sette deputati. In Germania potrebbero bastare.

Immagine correlata
Il logo della Stasi

SONO stati i socialdemocratici a spingere la Cancelliera alla visita, insieme con i verdi, nella speranza di metterla in difficoltà. Lei, in fondo, è una figlia dell 'est, e ricordarlo — si spera — potrebbe far guadagnare qualche voto. Non tanto togliendolo alla Merkel, quanto all'estrema sinistra della Linke, che a 28 anni dalla caduta del muro, in molte regioni all'est supera l'SPD. Ma i nostalgici arrabbiati è probabile che scelgano l'AfD, i populisti della destra. Da un estremo all'altro. Angela e la Stasi, un passato mai chiarito? Ci credono più all'estero che in Germania. Quando il muro divise Berlino, lei aveva compiuto otto anni. Nata nella ricca Amburgo, ad ovest, fu il padre, il pastore luterano Horst Krasner (scomparso nel 2011) a portarla a pochi mesi nella DDR, che lui considerava terra di missione. Per i comunisti era un pazzo o una spia, e la Stasi controllò la famiglia giunta dall'ovest fin dal primo giorno. Alle elementari, la maestra chiedeva alla piccola Angela «che dice tuo padre a casa?» Era allenata a convivere con gli Spionen. Quando riuscì a iscriversi alla facoltà di fisica, l'Università di Berlino Est pullulava di agenti e di collaboratori, gli IM, Informale Mitarbeiter. Chiesero anche a lei di diventare un'informatrice. Se la cavò con furbizia: «Non vi conviene, rispose, ich quatsch zu sehr», chiacchiero troppo. Una pettegola non è adatta a fare la spia.

FACEVA parte della FDJ, la gioventù comunista, se si fosse rifiutata non sarebbe stata ammessa all'Università, e lavorava per il sindacato. Su di lei è stato trovato un dossier della Stasi, era controllata dall'agente Frank Schneider: si trovano registrate tutte le sue scappatelle amorose, il matrimonio con il coetaneo Ulrich Merkel, il divorzio, la lunga relazione con il professore Joachim Sauer, iniziata negli Anni Ottanta, quando si credeva che il muro sarebbe rimasto ancora per un secolo.

Per inviare la propria opinione alla Nazione, telefonare 055/2495111, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria.redazione.firenze@monrif.net
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT