giovedi` 25 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
19.02.2021 Torino, per la procura il post antisemita della grillina Amore è diffamazione e odio razziale
Cronaca di Giuseppe Legato

Testata: La Stampa
Data: 19 febbraio 2021
Pagina: 35
Autore: Giuseppe Legato
Titolo: «Il post antisemita inguaia la consigliera Cinquestelle»
Riprendiamo dalla STAMPA - Torino di oggi, 19/02/2021, a pag.35, con il titolo "Il post antisemita inguaia la consigliera Cinquestelle" la cronaca di Giuseppe Legato.


Monica Amore

Risultato immagini per Monica Amore
Il post antisemita della consigliera comunale 5stelle

Le scuse politiche non sanano tutto. Anzi. JPerché quando — per distrazione o no — si pubblica una vignetta antisemita, c'è un altro fronte in cui i mea culpa non bastano a chiudere la questione. Ed è quello giudiziario. Da ieri la consigliera del M5S Monica Amore, è indagata dal procuratore aggiunto Emilio Gatti per diffamazione aggravata dall'odio razziale. Le è costata cara, la vignetta satirica a sfondo razzista sugli ebrei pubblicata sui social (e poi rimossa a furor di polemiche) pochi giorni fa. L'aveva pubblicata in un post a corredo del testo «Interessante!». Raffigurava un collage di testate giornalistiche del gruppo Gedi accompagnato da immagini evidentemente antisemite e cioè la caricatura di due uomini con naso pronunciato, Kippah e la Stella di David, giunte alla consigliera attraverso un canale Telegram. Scaricata da molti colleghi di avventura politica (anche del Movimento), Amore era corsa ai ripari chiedendo scusa e rimuovendo il post per sfuggire al fuoco incrociato anche della sindaca Appendino e del ministro Di Maio che — da quel post — avevano preso le distanze bollando l'iniziativa come «gravissima e inaccettabile». Le scuse però — ammesso che costituiscano un'attenuante morale - non valgono spesso in punta di diritto. Tanto è vero che nei giorni scorsi un legale incaricato da Dario Disegni, presidente della comunità ebraica, aveva presentato in procura un articolato esposto. Che ha avuto un seguito: inchiesta aperta e consigliera indagata. Gli accertamenti dovranno ora stabilire una serie di cose: intanto se la cornice giuridica del reato è solo quella o se vi possono essere contestazioni ancora più grave. Verranno anche effettuati approfondimenti sulla genesi di quella vignetta: a chi è stata veicolata, da chi altro è stata condivisa. «Non sono razzista e non sono antisemita, l'ho già detto. Quelli non sono i miei abiti, ho già chiesto scusa per il mio errore» ha spiegato ieri la consigliera Monica Amore. Che, il giorno stesso della pubblicazione, e dopo la raffica di polemiche scatenate da quel post sul suo profilo Facebook, diceva di sentirsi vittima di un attacco da parte di odiatori web: «Mi hanno detto e scritto di tutto». Tanto che, dal giorno dopo, il suo profilo è scomparso dal social. Sono rimaste invece le difese di molti suoi colleghi di partito, che parlando di svista e di leggerezza, si sono dimenticati diricordare che quello commesso da Amore poteva essere un reato.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostate

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.