martedi` 11 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
01.04.2020 Attacco al gasdotto al confine tra Turchia e Iran
Cronaca di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 01 aprile 2020
Pagina: 16
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Attaccato gasdotto al confine turco. Sotto accusa il Pkk curdo»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 01/04/2020, a pag.16, con il titolo "Attaccato gasdotto al confine turco. Sotto accusa il Pkk curdo", la cronaca di Giordano Stabile.

Risultati immagini per giordano stabile giornalista
Giordano Stabile

11-month-old baby, mother killed in PKK terror attack in eastern ...
Alcuni terroristi del Pkk

Un'esplosione ha danneggiato il gasdotto che porta il metano dall'Iran alla Turchia, vicino al confine fra i due Paesi, e bloccato una delle principali vie di esportazione per la Repubblica islamica. Teheran ha subito accusato "il Pkk curdo" di essere l'autore dell'attacco. La deflagrazione, potentissima, è stata udita in tutta la città di Bazargan. Sui social sono state postate foto e video, che fanno pensare a danni considerevoli. «Il flusso è interrotto», ha confermato il direttore della Compagnia nazionale del Gas, Mehdi Jamshidi-Dana. Un ulteriore colpo all'economia iraniana, già piegata dalle sanzioni americane, in piena recessione e alla prese con gli effetti dell'epidemia. L'agenzia di Stato Irna ha puntato il dito contro i guerriglieri curdi attivi nel Sud della Turchia, e lungo la frontiera iraniana. «Il gasdotto è stato attaccato numerose volte nel passato – ha precisato -. E' probabile che anche questa volta i responsabili appartengano al gruppo del Pkk». La sorveglianza, secondo le autorità iraniane, era stata allentata «perché le guardie dal lato della frontiera turco erano assenti, per timore del coronavirus: le abbiamo avvertite dell'attacco ma aspettiamo una risposta». In ogni caso serviranno «da tre a quattro giorni» per riparare il tratto del gasdotto danneggiato. Il tubo trasporta dieci miliardi di metri cubi di metano all'anno ed è una importante fonte di reddito per l'Iran, che ha visto calare quasi a zero le esportazioni di petrolio negli ultimi due anni in seguito all'embargo americano. Teheran ha le seconde riserve di gas naturale al mondo mentre la Turchia è fra i maggiori importatori e punta a diventare un hub per la distribuzione del gas di transito verso l'Europa. L'agenzia di Stato Anadolu ha confermato l'attacco "vicino al valico di frontiere di Gurbulak", il nome turco di Bazargan. Ankara ha precisato che "l'esercito ha messo in sicurezza l'area" e i vigili del fuoco hanno spento l'incendio. "Un'inchiesta è stata aperta" dalla autorità. I guerriglieri curdi del Pkk hanno attaccato più volte l'infrastruttura fra il 1990 e il 2013, quando è stato siglato un cessate il fuoco in tutta la Turchia, dopo una guerriglia durata quasi trent'anni. Ma la tregua è finita nel luglio del 2015 e da allora Ankara ha espanso le operazioni di contro-insorgenza fino in Siria, con tre operazioni e l'occupazione di circa 10 mila kmq di territorio, e anche in Iraq. La collaborazione con l'Iran, su questo fronte, è costante.

Per inviare la propria opinione alla Stampa, telefonare 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT