martedi` 02 giugno 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Viaggio alla scoperta del Kotel (Muro occidentale) a Gerusalemme (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
15.03.2020 Ancora missili contro le basi Usa in Iraq dai terroristi filo-iraniani
Cronaca di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 15 marzo 2020
Pagina: 14
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Nuova raffica di razzi delle milizie sciite sulle basi Usa»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 15/03/2020, a pag.14, con il titolo "Nuova raffica di razzi delle milizie sciite sulle basi Usa", la cronaca di Giordano Stabile.

Risultati immagini per giordano stabile giornalista
Giordano Stabile

Risultato immagini per rockets iraq  usa

Rappresaglia dopo rappresaglia, l'Iraq scivola verso una guerra fra le forze americane le milizie sciite sostenute dall'Iran. Ieri c'è stato un secondo attacco con razzi katiuscia contro la base Usa a Taji, 20 chilometri a Nord di Baghdad. Tre militari occidentali sono rimasti feriti. Mercoledì un attacco simile, con decine di razzi da 107 millimetri, aveva ucciso un soldato statunitense, un contractor e una soldatessa britannica. Giovedì il Pentagono ha reagito con raid su almeno sei basi e depositi di armi appartenenti alla milizia Kataib Hezbollah. Una «punizione» che doveva indurre alla calma i miliziani in cerca di vendetta per l'uccisione, lo scorso 3 gennaio, del comandante dei Pasdaran Qassem Soleimani e del leader locale Abu Mahdi al-Muhandis. I raid americani di giovedì hanno però finito per causare la morte di tre uomini dell'esercito regolare iracheno, due poliziotti e un civile, mentre cinque miliziani sono rimasti feriti.


L'escalation 
Le autorità di Baghdad hanno reagito con irritazione. Il presidente iracheno Barham Salih ha condannato la «violazione della sovranità irachena» e avvertito che il Paese può diventare «uno Stato fallito», di nuovo esposto alla minaccia dell'Isis. Il generale dei Marines Kenneth McKenzie, capo del Centcom, ha replicato che i raid hanno colpito «basi di terroristi» e che «non è stata una buona idea» per le forze militari irachene «posizionarsi assieme a Kataib Hezbollah». Il fronte sciita, maggioritario in Parlamento, è però tornato a chiedere al governo di trasformare in legge la richiesta di espellere le truppe statunitensi dal Paese. Gli sciiti ormai ritengono le truppe Usa un «bersaglio legittimo».
Un'escalation preoccupante, frenata però da due fattori. Uno è la mancanza di un governo. Il premier Adel Abdel Mahdi è dimissionario da mesi, sull'onda delle manifestazione di massa contro corruzione e crisi economica, cominciate a ottobre. Tutti i tentativi di trovare un nuovo candidato sono andati a vuoto, per la spaccatura fra il fronte più filo-iraniano e quello che vorrebbe mantenere l'equidistanza fra Teheran e Washington. Poi c'è il movimento di protesta, in parte manipolato dal controverso imam Moqtada al-Sadr, un leader imprevedibile, che prima ha cercato di scalzare il governo, ma adesso ha assunto una posizione più prudente. Il tutto mentre la crisi economica si avvita per il crollo delle quotazioni del petrolio. Non è il momento per una guerra aperta contro gli Usa.

Per inviare la propria opinione alla Stampa, telefonare 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT