giovedi` 20 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Ecco 5 motivi per combattere il movimento razzista e antisemita BDS' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
22.01.2020 Giorgio Almirante e le verità scomode
Commento di Mattia Feltri

Testata: La Stampa
Data: 22 gennaio 2020
Pagina: 1
Autore: Mattia Feltri
Titolo: «Gli orfani»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 22/01/2020, a pag.1, con il titolo "Gli orfani" il commento di Mattia Feltri.

Le verità scomode non cancellano il passato - che per Almirante significa la piena adesione al fascismo, anche nella versione estrema della Repubblica sociale - ma nasconderle fa male alla democrazia.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per mattia feltri la stampa
Mattia Feltri

Risultati immagini per almirante fascista
Giorgio Almirante

E' comprensibile che Liliana Segre inorridisca all'idea di ricevere la cittadinanza onoraria di Verona nei giorni in cui la città ha intitolato una via a Giorgio Almirante, mussoliniano, combattente di Salò, nel Dopoguerra segretario del Msi. Ci sono evidenze e opportunità ed è da sciocchi sottovalutarle. Nessuno ignora l'Almirante firma della Difesa della razza, il giornale diretto da Telesio Interlandi, ed estensore di ardenti articoli in sostegno della purezza del sangue e delle leggi razziali, per cui Segre sarebbe stata rinchiusa ad Auschwitz. E' invece incomprensibile e avvilente leggere quanto si sostiene a sinistra, che Almirante è immeritevole del riconoscimento siccome mai riconsiderò e superò il suo razzismo. E' falso, e il falso inquina l'oggi e il domani. Perché dimenticare che, dopo il 25 aprile, Almirante trovò rifugio a Milano in casa di una famiglia ebrea a cui lui, in precedenza, aveva offerto falso nome e salvezza nell'infuriare delle deportazioni? Perché dimenticare che nel 1967, in una trasmissione televisiva, dichiarò il suo antisemitismo giovanile «completamente superato per ragioni umane, per ragioni concettuali» (e dirlo meglio, con meno ruffianeria, con meno pienezza era impossibile)? Perché dimenticare che definì Israele la patria degli ebrei e il baluardo dell'Occidente? Senza Almirante sarebbe stato più difficile vedere la destra né antisemita né antisionista compiuta con Gianfranco Fini, e negarlo così spudoratamente significa che fa più comodo una destra riconsegnata al suo cliché, e renderlo più appetibile a qualche volenteroso svalvolato.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostate

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT