giovedi` 20 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Ecco 5 motivi per combattere il movimento razzista e antisemita BDS' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
21.01.2020 Jihadismo in Norvegia
Cronaca di Monica Perosino

Testata: La Stampa
Data: 21 gennaio 2020
Pagina: 14
Autore: Monica Perosino
Titolo: «Sospetta jihadista viene rimpatriata. I populisti fuori dal governo»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 21/01/2020, a pag.14 con il titolo "Sospetta jihadista viene rimpatriata. I populisti fuori dal governo" la cronaca di Monica Perosino.

Risultati immagini per monica perosino
Monica Perosino

Risultati immagini per Siv Jensen
Siv Jensen

Una donna e suo figlio fanno traballare il governo conservatore della Norvegia. Dopo sei anni e due mesi di stabilità, la coalizione guidata dal primo ministro Erna Solberg è tutt'altro che granitica. Ieri ha perso la maggioranza e, se la situazione dovesse precipitare, rischia di cadere. Ieri, il partito populista di destra (Fremskrittspartiet, Partito del Progresso), che in parlamento conta 27 deputati, ha deciso che lascerà il governo: «Non ci sono più le condizioni», ha detto la leader Siv Jensen in una nota. La crisi è stata innescata dalla decisione dell'esecutivo di concedere il rimpatrio in Norvegia di una donna e di suo figlio. Si tratta di una cosiddetta «sposa dell'Isis», una pachistana di 29 anni che, nel 2013, è partita per la Siria e ha sposato un jihadista norvegese, un miliziano dell'Isis morto poi in combattimento. Fino a martedì scorso il governo aveva sempre negato il rimpatrio della donna e di suo figlio, da marzo detenuti in un campo controllato dai curdi ad Al-Hol, nel Nord-Est della Siria. Poi il cambio di rotta e la decisione di concedere il rimpatrio alla donna e ai suoi due figli piccoli, uno dei quali sarebbe gravemente malato.


"Motivo umanitario"

Secondo i media norvegesi il piccolo soffrirebbe di una grave fibrosi cistica. «Lo abbiamo fatto per motivi umanitari - ha detto il ministro degli Esteri Ine Eriksen Søreide - temiamo per le condizioni di salute del bambino». La donna, una volta sbarcata in Norvegia, sarà arrestata e processata «per appartennza a un'organizzazione terroristica».
«Avremmo potuto accogliere i bambini, ma non facciamo compromessi su gente che ha partecipato ad organizzazioni terroristiche», ha dichiarato la leader del partito del Progresso, Jensen. 
Ma la posizione del Frp potrebbe rimare isolata: l'uscita del partito anti-immigrazione priva della maggioranza il governo ma non ne causa necessariamente la caduta. Il partito populista si era detto Favorevole al rientro dei bambini ma si era opposto al rimpatrio della madre, mentre gli altri tre componenti della coalizione hanno ignorato le obiezioni dell'Frp, sostenendo che il «rimpatrio della madre» fosse l'unica «condizione per salvare il bambino», che ha cinque anni. Ma Siv Jensen non arretra di un centimetro: «Il rischio di consentire a una persona legata all'Isis di vivere in Norvegia supera il dovere umanitario del Paese di aiutare il bambino».

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT