sabato 22 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Ecco 5 motivi per combattere il movimento razzista e antisemita BDS' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
20.01.2020 Libano: ancora scontri a Beirut, oltre 400 feriti
Cronaca di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 20 gennaio 2020
Pagina: 17
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Violenti scontri nelle proteste anti-governo. Oltre 400 feriti»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 20/01/2020, a pag.17, con il titolo "Violenti scontri nelle proteste anti-governo. Oltre 400 feriti", la cronaca di Giordano Stabile.

Risultati immagini per giordano stabile giornalista
Giordano Stabile

Risultati immagini per beirut protests 19 january
Le proteste a Beirut

Per la seconda notte di seguito migliaia di manifestanti hanno cercato di sfondare il cordone di sicurezza attorno a Place de l'étoile, davanti a un Parlamento sempre più sott'assedio. Polizia e militari hanno risposto con raffiche di candelotti lacrimogeni e ancora i cannoni ad acqua, piazzati su due blindati speciali, sotto una pioggia di pietre e detriti lanciati da giovani con passamontagna e kefiah per coprire i volti. La rivoluzione libanese si incattivisce. Lo stallo politico comporta il prezzo di un'economia asfissiata, con le banche che consentono prelievi con il contagocce, i trasferimenti all'estero impossibili e le aziende che non sanno più come importare i beni necessari. Il risultato è la chiusura di migliaia di piccoli esercizi e una disoccupazione che avrebbe raggiunto il 30 per cento.


La popolazione esasperata
 Il Libano affonda giorno dopo giorno e la gran massa della popolazione è esasperata. Anche se condanna i vandalismi che accompagnano le proteste, la sfiducia nei politici è totale. «Non si torna indietro», la rivoluzione va avanti, era lo slogan di ieri sera. Gli scontri hanno causato subito decine di feriti, soprattutto intossicati dalla coltre di lacrimogeni che avvolgeva Piazza dei Martiri, la «Shuhada». Sabato erano stati 400, di gran lunga il numero più alto da quando è cominciata la rivolta, l'Intifada del 17 ottobre. Fra loro anche molti agenti e militari contusi. Ieri mattina attorno alla piazza era una distesa di vetri rotti e detriti, resti carbonizzati di alcune tende dell'accampamento rivoluzionario, installato sul modello di quello di piazza Tahrir al Cairo nel 2011
Le vetrine di banche e assicurazione distrutte, i bancomat spaccati, una rabbia che si rivolge soprattutto contro il sistema finanziario, una volta motore dell'economia, capace di piazzare il Libano fra i Paesi a medio reddito, con 14 mila dollari annui pro capiti, il triplo di una nazione petrolifera come l'Iraq. Ma era un castello di carte, basato su un deficit del 10 per cento all'anno, un debito pubblico del 150 per cento, la spartizione clientelare sistematica fra le 18 sette religiose del Paese, 11 cristiane. Adesso le banche, costrette a contribuire all'abbattimento del deficit, hanno reagito strangolando correntisti e aziende. La «rivoluzione» ripete il mantra del «governo tecnico» che dovrebbe compiere il miracolo. La classe politica gli ha offerto un premier incaricato «professore», il vicepresidente dell'American University of Beirut Hassan Diab, prigioniero però dei veti incrociati delle vecchie volpi politiche. L'esecutivo è nelle more, oggi parlerà il presidente Michel Aoun. Nessuno si fa illusioni.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/065681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT