lunedi` 24 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Ecco 5 motivi per combattere il movimento razzista e antisemita BDS' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
18.01.2020 Brasile: Bolsonaro licenzia il ministro che si ispira a Goebbels
Cronaca di Emiliano Guanella

Testata: La Stampa
Data: 18 gennaio 2020
Pagina: 15
Autore: Emiliano Guanella
Titolo: «Discorso ispirato ai principi nazisti, rimosso il ministro della cultura»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 18/01/2020, a pag.15, con il titolo "Discorso ispirato ai principi nazisti, rimosso il ministro della cultura" l'analisi di Emiliano Guanella.

E' stato lo stesso Jair Bolsonaro a rimuovere i'ormai ex ministro della cultura dopo il discorso sulla falsariga di quello di Goebbels. Un aspetto che chi dipinge Bolsonaro come un Presidente di "estrema destra" dovrebbe tenere a mente.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per emiliano guanella giornalista
Emiliano Guanella

Uno scenario spettrale, la musica di Wagner di sottofondo, lo sguardo serio del ministro tra la bandiera verde-oro, la foto del presidente e una scultura a forma di croce spiega come dovrà essere la cultura brasiliana del prossimo decennio. «Vogliamo una cultura patriottica, orgogliosa, imperativa, capace di rispondere ai bisogni urgenti dei nostro popolo. Dovrà essere così…o non sarà nulla». Un messaggio ispirato direttamente ai discorsi di Joseph Goebbels, il ministro della propaganda nazista, che è costato il posto a Roberto Alvim, responsabile del dicastero della cultura del governo Bolsonaro. Davvero troppo, anche per il presidente di estrema destra, che in una nota ha giudicato inaccettabile il riferimento esplicito a «ideologie totalitarie e genocide». «Nonostante le scuse ufficiali la permanenza del ministro è insostenibile. Manifestiamo il nostro appoggio alla comunità ebraica».

Risultati immagini per Roberto Alvim goebbels
Roberto Alvim, a destra il suo modello Goebbels


Le proteste 
Il coro di critiche al messaggio di Alvim è stato pressoché unanime, condanne da quasi tutti i partiti e da numerosi artisti e personalità della cultura brasiliana. Il diretto interessato ha cercato di giustificarsi dicendo che i riferimenti a Goebbels sono stati un puro artificio retorico, ma ad analizzarlo bene è tutto il suo discorso, pieni di riferimenti religiosi, nazionalistici e messianici a destare serie perplessità. «Abbiamo urgente bisogno di una cultura dinamica ma allo stesso tempo radicata nella nobiltà dei nostri miti fondatori; la patria, la famiglia, il coraggio del popolo a il suo profondo legame con Dio». Dio, patria e famiglia, nella migliore tradizione delle dittature sudamericane degli anni Settanta, compresa quella brasiliana. Direttore di teatro dalla modesta traiettoria, Alvim ha abbracciato fin da subito la politica di Bolsonaro, che lo scelse con il compito di «sfatare il mito della cultura brasiliana di sinistra». Nemico dichiarato dei mostri sacri della musica brasiliana come Chico Buarque, Caetano Veloso o Gilberto Gil, tutti schierati contro l'attuale governo, il neoministro si è detto più volte favorevole alla censura e «ostile all'imperativo del politicamente corretto». Il rapporto di Bolsonaro con artisti e intellettuali non è facile. Questa settimana il presidente brasiliano ha criticato duramente la decisione dell'Accademia di Hollywood di candidare all'Oscar il documentario «Democrazia al limite», prodotto da Netflix, che racconta da una prospettiva di sinistra l'impeachment all'ex presidente Dilma Rousseff, l'arresto di Lula da Silva e poi la sua ascesa al potere nelle elezioni del 2018. «Avrebbero dovuto candidarlo tra le fiction – ha detto - perché in quel film di vero non c'è proprio nulla».

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostate

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT