domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
31.12.2019 Dall'Iran minacce contro gli Stati Uniti e i loro alleati
Cronaca di Francesco Semprini

Testata: La Stampa
Data: 31 dicembre 2019
Pagina: 13
Autore: Francesco Semprini
Titolo: «La rabbia di Teheran: 'Colpiremo gli Usa e i loro mercenari'»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 31/12/2019, a pag.13, con il titolo "La rabbia di Teheran: 'Colpiremo gli Usa e i loro mercenari' " l'analisi di Francesco Semprini.

Risultati immagini per francesco semprini
Francesco Semprini

Risultati immagini per Kataib Hezbollah
Il simbolo di
Kataib Hezbollah

La dichiarazione arriva nel cuore della notte attraverso un comunicato rimbalzato su Twitter in cui le Unità di mobilitazione popolare (Pmu), ovvero l'ombrello a cui fanno capo le brigate sciite attive in Iraq, annuncia l'avvio di una «nuova fase» che ha come obiettivo «la cacciata del nemico americano» dal Paese. È ormai guerra aperta tra gli Stati Uniti e le milizie irachene vicine alle forze Quds dei Guardiani della rivoluzione islamica dell'Iran, dopo l'attacco concentrico condotto dagli Usa contro basi strategiche di Kataib Hezbollah, nei pressi del valico di al Qaim, al confine con la Siria, che ha provocato 25 morti e 55 feriti. Una ritorsione all'attacco missilistico alla base di Kirkuk di venerdì in cui è rimasto ucciso un contractor americano e feriti alcuni militari Usa. 
Il segretario degli Esteri Mike Pompeo, nel corso di un vertice straordinario a Mar-a-Lago col presidente Donald Trump e il segretario alla Difesa Mark Esper, ha assicurato che sarà intrapresa ogni azione volta a contrastare potenziali minacce nei confronti degli Usa che si trascinavano da settimane. «Non staremo a guardare il l'Iran intraprendere azioni che mettano in pericolo uomini e donne americane», spiega il capo della diplomazia Usa.

Risultati immagini per iran terrorist
I "Guardiani della Rivoluzione" iraniani


Teheran tuona contro Washington: «L'aggressione è un esempio manifesto di terrorismo», dice Abbas Mousavi, portavoce del ministero degli Esteri iraniano. Una sorta di via libera alla mobilitazione delle forze irachene alleate. «Oggi non abbiamo altra scelta che affrontare gli Stati Uniti e i loro mercenari, nessuno ci potrà impedire di rispondere a chi ha colpito il nostro paese - afferma il comunicato dell'ufficio di sicurezza di Mpu -. Lasciate che Trump sappia che pagherà un prezzo salato in Iraq e in tutti i paesi in cui le sue forze criminali sono dislocate». Del resto una prima risposta si è vista nella notte tra domenica e lunedì con il lancio di razzi Katyusha su una base irachena nei pressi di Baghdad che ospita contractor e militari americani. Le forze di mobilitazione popolare, conosciute anche come Hashed Shaabi, hanno avuto un ruolo cruciale nella lotta contro lo Stato islamico in Iraq contribuendo alla liberazione di due terzi del Paese. 
Dopo la caduta del califfato sono state incorporate in una struttura di sicurezza governativa accusata di essere altamente politicizzata e influenza dalle forze filo-iraniane. Tanto da divenire bersaglio delle proteste popolari dell'autunno caldo iracheno in cui hanno perso la vita almeno 450 civili, e degli americani che vedono in loro la lunga mano minacciosa di Teheran. I raid americani sono stati definiti una pugnalata alle spalle dal portavoce delle forze armate di Baghdad, Abdelkarim Khalaf, mentre lo stesso premier dimissionario, Abdul Mahdi, condanna ogni azione unilaterale. Baghdad era stata avvertita mezz'ora prima del raid e ha chiesto a Washington di desistere, invano. A scagliarsi contro gli Usa è l'alleanza Fatih, seconda realtà parlamentare irachena costituita da diversi leader militari, parla di violazione della sovranità. Condanna e chiamate alla mobilitazione sono arrivate dagli Hezbollah libanesi di Hassan Nasrallah. Anche Mosca condanna i raid Usa di ieri definendoli «inaccettabili e controproducenti» e invita tutte le parti ad astenersi da azioni ostili. La mobilitazione delle formazioni pro-Iran, che cade nell'anniversario dell'esecuzione di Saddam Hussein avvenuta il 30 dicembre del 2006, ha spinto i miliari americani a rafforzare i presidi nelle aree di Nineveh, Mosul, Qayarah e Kirkuk. Washington è consapevole che quello che si sta profilando è un nuovo capitolo della guerra «tiepida» con Teheran iniziata con la cancellazione dell'accordo sul nucleare, e condotta secondo la strategia della «massima pressione» alla quale Teheran risponde con quella della «massima resistenza».

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT