sabato 17 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
24.12.2019 Caso Khashoggi, arrivano le condanne a morte
La decisione del tribunale saudita

Testata: La Stampa
Data: 24 dicembre 2019
Pagina: 9
Autore: A.S.
Titolo: «Cinque condannati a morte per l'omicidio Khashoggi»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 24/12/2019, a pag.9, la cronaca a firma A.S. dal titolo "Cinque condannati a morte per l'omicidio Khashoggi".

Immagine correlata
Jamal Khashoggi

Cinque persone sono state condannate a morte dal Tribunale di Riad per l'uccisione del giornalista saudita, Jamal Khashoggi, al consolato saudita di Istambul. Ma non è stato incriminato Saud al Qahtani, il fidato consigliere del principe ereditario, Mohamed bin Salman (MbS), che era accusato di aver supervisionato l'omicidio. Ed è stato prosciolto il generale Ahmed al Assiri, ex numero due dell'intellingence saudita, per «insufficienza di prove». È stato anche prosciolto il console saudita a Istanbul, Mohammad al Otaibi, perché neppure nei suoi confronti sono state trovate prove sufficienti. II ristretto cerchio insomma di Mbs esce quasi indenne. Così Reporters sans frontiers (Rsf) commenta la sentenza come qualcosa che «ridicolizza la giustizia». La Turchia si spinta anche oltre e ha detto che questa «non è giustizia». Mentre il figlio del giornalista si è limitato a commentare: «Giustizia è fatta».

Immagine correlata
Mohammed bin Salman

A morte sono finiti quindi cinque uomini «direttamente coinvolti nell'assassinio», ha dichiarato il procuratore saudita in una nota. Al Qahtani era stato interrogato ma non è stato accusato «per mancanza di prove» e il generale Assiri era stato accusato ma poi assolto per gli stessi motivi, secondo la dichiarazione del procuratore generale. Secondo il portavoce della procura, l'inchiesta ha dimostrato che non c'era alcuna intenzione di uccidere Khashoggi, visto che tra gli accusati e la vittima non c'era «inimicizia». Khashoggi, editorialista del Washington Post, dissidente e critico con il governo saudita, fu assassinato il 2 ottobre del 2018 nel consolato saudita a Istanbul: un omicidio dai contorni raccapriccianti, per il quale le Nazioni Unite e il Senato americano hanno chiamato in causa Mohammed bin Salman.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT