venerdi 07 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
16.12.2019 La vignetta che stravolge la storia della Shoah del disegnatore grillino
Cronaca di Maria Berlinguer

Testata: La Stampa
Data: 16 dicembre 2019
Pagina: 16
Autore: Maria Berlinguer
Titolo: «L'Ue e Auschwitz. La vignetta di Marione diventa un caso»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 16/12/2019, a pag.16, l'articolo "L'Ue e Auschwitz. La vignetta di Marione diventa un caso", di Maria Berlinguer.

Risultati immagini per vignetta marione auschwitz
La vignetta

L’Unione europea come il lager di Auschwitz e la Gran Bretagna come un piccolo deportato con i capelli biondi arruffati di Boris Johnson e la famigerata divisa a righe, che fugge a gambe levate. È l'incredibile vignetta sulla Brexit uscita dalla penna di Mario Improta, in arte Marione, il disegnatore romano già sulla cresta dell'onda per aver realizzato il fumetto civico con Virginia Raggi in versione super woman distribuito copiosamente in tutte le scuole capitoline per insegnare agli studenti l'educazione civica. Questa volta però è la stessa sindaca Raggi a prendere le distanze. E Marione è costretto alla retromarcia. Dopo la bufera scatenata dalla prima strip il vignettista «ripiega», modificando la vignetta. L'Unione europea è ora rappresentata come una latrina e il Regno Unito è ancora un bimbo in fuga che però indossa una maglietta e un paio di pantaloni. E il Pd capitolino ad accorgersi della striscia di Marione. «Ecco il miserabile vignettista della Sindaca Raggi che si cimenta in una vergognosa e offensiva rappresentazione della Brexit: per farsi un po' di pubblicità usa l'orrore dell'Olocausto e offende milioni di vittime della follia nazi-fascista», denuncia il gruppo Pd romano in una nota, chiedendo alla prima cittadina se «ritiene ancora di doversi avvalere dell'ausilio di un personaggio del genere». Del resto, ancora prima dell'ultima provocazione di Marione, il Pd ieri mattina ha presentato un'interrogazione urgente per sapere quanti opuscoli sono stati distribuiti nelle scuole romane con la sindaca trasformata in fumetto per spiegare agli studenti il nuove regolamento della polizia urbana. Quanto sono costati e perché è stato scelto proprio Marione, un autore che si è distinto per una satira decisamente politicamente scorretta? Memorabile la vignetta con il sindaco Pd di Bibbiano, Andrea Carletti: «Attenzione bambini, l'uomo nero è del Pd». Sugli opuscoli la Raggi tace. Ma dall'ultima perfomance le prende nettamente distanze. «Quella vignetta non ha nulla a che vedere con l'amministrazione ma ci tengo a dire che non rappresenta il mio pensiero e contrasta con la mia sensibilità su terni che mi hanno sempre visto impegnata in prima persona: bisogna fare molta attenzione quando si toccano tematiche come i campi di sterminio e le persecuzioni naziste». Parole che non bastano al deputato Pd Filippo Sensi. «Chieda scusa, risolva questa collaborazione. Subito».

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT