Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

La Stampa Rassegna Stampa
12.12.2019 Algeria oggi al voto per le presidenziali
Cronaca di Francesca Paci

Testata: La Stampa
Data: 12 dicembre 2019
Pagina: 16
Autore: Francesca Paci
Titolo: «Oggi alle urne per il presidente tra boicottaggi e proteste»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 12/12/2019, a pag.16, con il titolo "Oggi alle urne per il presidente tra boicottaggi e proteste" l'analisi di Francesca Paci.

Risultati immagini per francesca paci la stampa
Francesca Paci

Risultati immagini per algeria election
L'Algeria va al voto

Sarà l'ex ministro della cultura e giornalista Mihoubi, oggi sostenuto dal Fronte di liberazione nazionale, a occupare la poltrona che per vent'anni è appartenuta a Bouteflika? Oppure Tebboune, che nel 2017, durante i suoi tre mesi da premier, sfidò, giustizialista ante litteram ancorché integratissimo insider, gli oligarchi al potere? E' possibile anche che il prossimo presidente algerino sia Bengrina, leader del partito islamista moderato MSP, quella Fratellanza Musulmana su cui negli anni '90 il Paese ha fatto leva per sconfiggere il terrorismo fondamentalista. Gli altri due candidati, l'ex premier Benflis e Abdelaziz Belaid, paiono in queste ore meno favoriti, ma, in assenza di sondaggi, tutto è possibile. Ed è questa, al netto delle proteste in corso da dieci mesi, la vera novità del voto algerino, l'unico punto su cui governo e opposizione concordano: il 22 febbraio 2019 segna il punto di non ritorno.

Gli auto-esclusi «Per la prima volta in Algeria i 5 sfidanti si sono confrontati in tv come finora nella regione è successo solo in Tunisia, per la prima volta hanno tutti le stesse chance» spiega Milat Abdelhafid, numero due dell'Autorité Nationale Indépedante des Elections, il nuovo organismo supervisore del voto che la piazza contesta in quanto espressione del "pouvoir" ma che di fatto svolge un compito finora appannaggio esclusivo del ministero dell'Interno. Il movimento, in arabo "hirak", non demorde. Affiancato dai partiti d'opposizione, che non hanno presentato candidati perché considerano le procedure con cui sono state pianificate le elezioni espressione del vecchio sistema, sfila e invoca il boicottaggio. Domani, quando arriveranno i risultati, a migliaia promettono di ritrovarsi in strada per ribadire che «tutti vuol dire tutti», che dopo Bouteflika deve andar via l‘intera struttura di potere. Gli attivisti di "hirak", nonostante gli arresti delle ultime tre settimane, giurano che andranno avanti. La sensazione però è che il vento del cambiamento soffi anche nei palazzi delle istituzioni, che una nuova generazione abbia preso il posto di quella legittimata dalla Storia. Prova ne sia, conferma l'avvocato e leader dell‘opposizione Zubeida Assaoul, la repressione molto contenuta: «I manifestanti non hanno rotto una sola vetrina ma anche la polizia non ha mai usato la forza, è come se il trauma della violenza della guerra civile permei l‘intera società, nessuno ha nostalgia del sangue».

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui