giovedi` 24 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
05.12.2019 Libia: un nuovo territorio di conquista per Putin e i suoi alleati
Cronaca di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 05 dicembre 2019
Pagina: 19
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Putin e i sovrani del Golfo vicini al controllo della Libia»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 05/12/2019, a pag.19, con il titolo "Putin e i sovrani del Golfo vicini al controllo della Libia", la cronaca di Giordano Stabile.

Risultati immagini per giordano stabile giornalista
Giordano Stabile

Immagine correlata
Fayez al Sarraj

La Russia sta per prendersi la Libia e vuole piazzare al potere il Khalifa Haftar come «un nuovo Gheddafi». L'allarme è stato lanciato dal «Wall Street Journal» e segue settimane di intense manovre attorno alle spoglie di uno dei più grandi produttori di petrolio al mondo, semidistrutto da quasi 9 annidi guerra civile. Ora siamo quasi al dunque. Dopo un serie campagne ininterrotte dal 2014 Haftar controlla l'80% del territorio e la maggior parte dei giacimenti. L'offensiva per prendere Tripoli, l'ultimo passo, è impantanata da aprile ma secondo il quotidiano statunitense l'arrivo di centinaia, «se non migliaia di mercenari russi», ex militari delle forze speciali, sta spostando la bilancia del conflitto a favore dell'autoproclamato maresciallo. Per riuscire nella sua rivincita contro la Nato, che nel 2011 sostenne i ribelli contro il defunto raiss, Putin ha stretto un patto con Egitto, Emirati arabi e Arabia Saudita, gli alleati regionali di Haftar. Anche le continue visite nel Golfo del suo uomo di fiducia ceceno Ramzan Kadirov (un conservatore sunnita) servono a cementare questi rapporti in vista del blitz finale sulla capitale. Per le monarchie del Golfo il primo obiettivo è distruggere i Fratelli musulmani, che appoggiano il governo riconosciuto dall'Onu del premier Al Sarraj. Il secondo obiettivo è impedire che nasca un Paese arabo democratico, che potrebbe diventare «un modello per i propri cittadini e costituire una sfida» al potere assoluto dei monarchi.

Sarraji indebolito Al Sarraj è in teoria appoggiato da Europa e Stati Uniti. Ma le divisioni all'interno dell'Amministrazione Usa hanno indebolito le sue alleanze internazionali. Il Pentagono ha di recente dato l'altolà all'assalto a Tripoli, mentre Trump, ad aprile, aveva sdoganato le ambizioni di Haftar in una lunga telefonata e adesso un articolo di segno opposto su Forbes suggerisce di lasciar fare al maresciallo. In questa frattura si sono inserite Russia e Turchia, questa volta su fronti opposti. Recep Tayyip Erdogan rifornisce di armi Al Sarraj e ha strappato un accordo su nuovi confini marittimi. Secondo Ankara adesso «i distretti di Marmaris, Fethiye e Kas confinano con quelli libici di Derna, Tobruk e Bardiya» e la «madrepatria blu», la «Mavi Vatan», si è espansa a un totale di 462 mila chilometri quadrati, come ha specificato il ministro della Difesa Hulusi Akar. Il punto di forza dei turchi è a Misurata, un centro commerciale che aveva rapporti privilegiati con Istanbul ai tempi dell'Impero ottomano e fu l'ultima città ad arrendersi agli italiani nella guerra 1911-1912. Adesso è la capitale delle milizie filo-turche che difendono armi in pugno il governo di Al Sarraj.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT