sabato 14 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
26.11.2019 Iran, Amnesty: 'Almeno 143 morti nella repressione da parte del regime'
Cronaca di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 26 novembre 2019
Pagina: 17
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Amnesty rivela: 'Almeno 143 morti nella repressione delle proteste'»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 26/11/2019, a pag.17, con il titolo "Amnesty rivela: 'Almeno 143 morti nella repressione delle proteste' ", la cronaca di Giordano Stabile.

Risultati immagini per giordano stabile giornalista
Giordano Stabile
Risultati immagini per teheran protests november 2019
Proteste a Teheran contro il regime

Sono almeno 143 le vittime della repressione in Iran, dopo le rivolte innescate dall'aumento del prezzo della benzina. È questo il bilancio stilato da Amnesty International. La ong ha raccolto testimonianze ed esaminato immagini e filmati filtrati in Occidente nonostante il blocco quasi totale di Internet. Secondo Amnesty «la maggior parte delle vittime è stata uccisa da armi da fuoco», comprese quelle di cecchini appostati sui tetti, come mostrano alcuni video. La repressione è stata fulminea. Dopo un primo giorno di disordini, il 15 novembre, il regime ha imposto il blackout su web e comunicazione con l'esterno. Forze di sicurezza e «basiji», i miliziani difensori dell'ordine, hanno usato una forza preponderante e stroncato la rivolta. Nel giro di una settimana sono rimasti soltanto piccoli focolai. Il regime ha così potuto proclamare quasi subito la vittoria, con la guida suprema Ali Khamenei e il presidente Hassan Rohani, un riformista che però in questo caso si è schierato senza esitazione con l'ala dura del regime. Anche perché la fine dei sussidi sui carburanti è essenziale per sopravvivere alla sanzioni americane. Le sovvenzioni costano 2,5 miliardi di dollari all'anno e causano una perdita di quasi 10 miliardi di Pil. La benzina sovvenzionata costa l'equivalente di 8 centesimi di dollaro e viene contrabbandata in Pakistan. C'è carenza sul mercato interno e lo Stato perde miliardi di possibili esportazioni.

Le contro-manifestazioni Il regime, ricompattato, ha organizzato ieri manifestazioni «contro i disordini» e portato in piazza decine di migliaia di persone. I toni sono stati ancor più trionfali. Il generale Hossein Salami ha arringato la folla e minacciato America, Arabia Saudita e Israele: «Se superano la linea rossa li distruggeremo. Avete già sconfitto l'arroganza straniera. Abbiamo inferto il colpo di grazia». Minacce che potrebbero preludere, secondo analisti israeliani, a nuovi attacchi nel Golfo. Informazioni di Intelligence hanno fatto trapelare che i raid del 14 settembre contro le infrastrutture petrolifere saudite sono stati decisi poche settimane prima in «una riunione a porte chiuse fra i massimi vertici militari e politici», con l'avallo di Khamenei. Potrebbero anche esserci nuovi attacchi alle petroliere nel Golfo, come quelli di giugno. Ieri il ministro della Difesa francese, Florence Parly, ha annunciato durante la sua visita negli Emirati l'avvio della missione di pattugliamento europea. Il centro di comando sarà nella base transalpina di Abu Dhabi, dove stazionano 700 militari francesi, sui 2400 complessivi in Medio Oriente.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare:011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT