sabato 14 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
16.11.2019 1945, un pezzo di storia di Israele nel kibbutz Ma'agan Michael
Reportage di Fabiana Magrì

Testata: La Stampa
Data: 16 novembre 2019
Pagina: 25
Autore: Fabiana Magrì
Titolo: «1945, il kibbutz degli scout fabbricava munizioni sotto gli occhi dehli inglesi»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 16/11/2019, a pag.25, con il titolo "1945, il kibbutz degli scout fabbricava munizioni sotto gli occhi degli inglesi" il reportage di Fabiana Magrì

Risultati immagini per kibbutz ma'agan israele
Risultati immagini per kibbutz ma'agan israele
Kibbutz Ma'agan



Risultati immagini per fabiana magrì
Fabiana Magrì

Volevano essere il primo gruppo di scout a fondare un kibbutz, invece finirono al centro di una missione degná del Mossad. Solo che il Mossad non era ancora stato creato e se oggi esistono lo Stato di Israele e la sua Agenzia, si deve anche al coraggio di 45 giovani tra  i 18 e i 22 anni e alla hutzpà (misto di audacia e sfrontatezza) del capo delle industrie militari segrete israeliane, Yosef Avidar, che aveva una convinzione: «Se vuoi fare qualcosa di clandestino, fallo sotto il naso del tuo nemico».
E proprio sotto il naso dalle truppe britanniche, nella Palestina mandataria, tra il 1945 e il 1948, una fabbrica di munizioni, irregolare e sotterranea, produsse 2,25 milioni di proiettili. Nome in codice: Ayalon Institute.
Per scendere nei meandri del sito e della vicenda, oggi, sul posto, c'è un museo storico che offre una visita coinvolgente, con tanto di passaggi segreti e aneddoti di espedienti e sotterfugi.
Perfino qualche testimonianza diretta. «Non ci dissero dove volevano che andassimo né cosa volevano che facessimo. Dissero solo che sarebbe stato pericoloso» ricorda Esther, 90 anni compiuti l'anno scorso, di quella sera d'estate del 1945 in cui Avidar reclutò lei e tutto il gruppo dell'HaZofimAleph (gli Scout A, in ebraico).
La Seconda Guerra Mondiale era appena finita. I contorni della Shoah si stavano rivelando in tutto il loro orrore. Gli immigrati in Palestina filtravano illegalmente attraverso le strette maglie della rete tesa dagli Inglesi per bloccare l'ingresso in massa. I leader sionisti avevano bisogno di garantire il rifornimento di armi per difendersi e combattere per l'indipendenza.
Riprodurre clandestinamente le mitragliatrici Sten era diventato relativamente semplice ma l'approvvigionamento delle munizioni restava un problema.
Ignari del loro destino, gli scout avevano raggiunto Kibbutz Hill (una collina alla periferia di Rehovot, a 20 km da Tel Aviv) con un bagaglio d'ideali socialisti e la prospettiva di trattenersi i mesi necessari all'addestramento sionista.
Fin dal 1932 quello era un centro di formazione per pionieri in cerca di una palestra di vita da kibbutz. C'erano il forno e la lavanderia, il refettorio comune, abitazioni spartane per gli adulti e la casa dei bambini - scuola di giorno e dormitorio di notte - dove i pargoli, che non vivevano in casa con i genitori, fin dalla nascita ricevevano l'imprinting collettivista.
Tutto intorno, terreni e frutteti da coltivare. Con una complessa operazione durata sette anni, per mare e per terra dalia Polonia in Palestina, via Beirut e Tel Aviv, nel 1945 l'Hagana - il movimento ebraico clandestino paramilitare - riusci a contrabbandare dodici vecchi macchinari per la produzione di proiettili 9 mm e a calarli nella fabbrica-bunker, grande quanto un campo da tennis, nascosta sotto gli edifici del kibbutz. Un accesso era nascosto sotto il forno, l'altro sotto la lavanderia.
Qui lavorava Esther, con il compito di assicurarsi che il rumore coprisse, per almeno dieci ore al giorno, quello della fabbrica sottostante. Ma tanto bucato non era giustificato per le esigenze del solo kibbutz.
Fu così che un giorno, a Rehovot, comparve l'Aviv Laundry Service, punto di raccolta per i clienti della lavanderia. E che clienti! Perfino l'esercito inglese mandava a lavare le sue uniformi.
Non fu questa l'unica beffa che i soldati britannici subirono in quei tre anni. Per importare l'ottone necessario al rivestimento delle pallottole fu addirittura imbastita una fabbrica di cosmetici a Giaffa, con tanto di autorizzazione firmata dagli inglesi. Il rischio di un'esplosione era pari a quello di essere scoperti dalle «giraffe». Il termine era stato scelto come nome in codice per indicare gli estranei alla missione. Quelli, come l'animale dal collo lungo, potevano vedere ciò che accadeva in superficie ma non tra i loro piedi. La verità sull'Ayalon Institute emerse con l'indipendenza d'Israele, nel maggio 1948, quando la produzione di armi divenne legale.
Al termine di quell'eroica avventura, dopo tre annidi rischi e sacrifici, gli scout fondarono finalmente il loro kibbutz. Ancora oggi Ma'agan Michael, in uno dei punti più belli della costa israeliana, con la sua spiaggia di dune di sabbia, è tra i kibbutz più belli e fiorenti di Israele.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT