venerdi 15 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
11.10.2019 Tunisia: si accende la sfida in vista delle elezioni presidenziali
Cronaca di Francesca Paci

Testata: La Stampa
Data: 11 ottobre 2019
Pagina: 18
Autore: Francesca Paci
Titolo: «Il magnate Karoui esce di prigione. Sfiderà Saied alle presidenziali»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 11/10/2019, a pag.18, con il titolo "Il magnate Karoui esce di prigione. Sfiderà Saied alle presidenziali", la cronaca di Francesca Paci.

Risultati immagini per francesca paci la stampa
Francesca Paci

Risultati immagini per Nabil Karoui
Nabil Karoui
 
A due giorni dal secondo turno delle presidenziali tunisine, che incoroneranno il successore del defunto Essebsi, la Corte di Cassazione ha disposto il rilascio dal carcere dell'imprenditore 56enne Nabil Karoui, facoltoso magnate dei media nonché candidato al ballottaggio di domenica. Karoui, che era stato arrestato il 23 agosto scorso con l'accusa di evasione fiscale e riciclaggio, incrocerà le spade con l'outsider indipendente Kais Saied, un giurista conservatore emerso a sorpresa in testa al primo turno dopo aver sbaragliato concorrenti favoriti come l'ex premier Chahed e il campione di Ennhada, i Fratelli Musulmani tunisini. Prima di passare la parola alle urbe, Karoui e Saied, che hanno meno di 3 punti percentuali di distacco, si sfideranno questa sera in un dibattito tv all'americana. Ma la sacralità che accompagna questo rito democratico, il secondo voto presidenziale libero dalla cacciata dell'ex raiss Ben Ali nel 2011, non corrisponde all'umore del Paese. La disoccupazione giovanile al 30% La Tunisia, unico tra i protagonisti della primavera araba a perseverare sul cammino intrapreso 8 anni fa, affronta una pesante crisi economica che grava soprattutto sulle classi medio-basse e popolari, le più colpite dalla disoccupazione giovanile (fino al 30%) da cui arriva la spinta crescente ad attraversare, sia come sia, il Mediterraneo. La depressione dilaga. Sebbene il partito islamista Ennahda sia uscito vincitore dalle elezioni parlamentari della settimana scorsa, ha perso almeno 10 punti rispetto ai fasti del passato. Governare non paga quando i risultati concreti tardano a concretizzarsi, e anche in Tunisia, dove i ceti più bassi lamentano da tempo di aver fatto la rivoluzione «solo per ottenere la libertà», la scorciatoia passa per la via populista, come dimostrano i programmi, tanto altisonanti quanto generici, dei candidati alle presidenziali, compresi gli ultimi due rimasti in gara, l'uno e l'altro digiuni di politica. Non è ben chiaro quanto e come la detenzione possa aver danneggiato la credibilità di Karoui (che è ancora comunque in attesa di giudizio). Di certo il suo partito, Heart of Tunisia, arrivato secondo alle parlamentari, aprirà adesso un tavolo negoziale con Ennahda, sebbene entrambi abbiano escluso qualsiasi ipotesi di coalizione. Un peso nelle trattative per la formazione del governo lo avrà il presidente, che in Tunisia controlla la difesa, la politica estera e la sicurezza nazionale.

Per inviare alla STAMPA la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT