venerdi 13 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
06.10.2019 Dopo l'intervista di ieri a Mike Pompeo...
Cronaca di Francesco Grignetti

Testata: La Stampa
Data: 06 ottobre 2019
Pagina: 4
Autore: Francesco Grignetti
Titolo: «La task force di Palazzo Chigi per rendere sicuro il 5G»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 06/10/2019, a pag.4, con il titolo "La task force di Palazzo Chigi per rendere sicuro il 5G" la cronaca di Francesco Grignetti.

Visualizza immagine di origine
Mike Pompeo

Ecco il seguito alla intervista  pubblicata ieri a Mike Pompeo di Maurizio Molinari

Risultato immagine per francesco grignetti
Francesco Grignetti

 ROMA Mike Pompeo, il Segretario di Stato Usa, nella sua intervista a questo giornale ha parlato chiaro sul pericolo cinese. Il sistema 5G, che sarà la rete cellulare dei prossimi anni, in sé rappresenta un’eccezionale novità, ma anche un rischio. «Pensiamo - dice Pompeo - che ogni singola informazione che le attraversa sia a rischio, perché si tratta di network controllati dal Partito comunista cinese». Si riferisce al ruolo delle società cinesi Huawei e Zte, che si candidano ad essere il caposaldo del 5G in Italia e altri Paesi europei. Che ci sia il pericolo di un Grande Fratello cinese, lo dicono in tanti. Da ultimo, il direttore dei nostri servizi segreti, Gennaro Vecchione: «Il 5G - ha detto in Parlamento - è un’opportunità straordinaria di sviluppo, ma è potenzialmente foriero di rischi per la sicurezza nazionale. Tali rischi debbono necessariamente essere compresi e prevenuti per sfruttare appieno le opportunità». A fare da scudo contro la captazione di dati sensibili, dello Stato, delle imprese, ma anche dei singoli cittadini, dovrebbe esserci un’architettura di sicurezza cibernetica che prevede una sala operativa (esistente presso i servizi segreti) e un Centro di valutazione e certificazione nazionale. Il Centro è stato istituito dal governo qualche mese fa per procedere alla «verifica delle condizioni di sicurezza e dell’assenza di vulnerabilità di prodotti, apparati e sistemi» su cui sia in ballo l’interesse nazionale. Il Centro - per cui sono in arrivo 57 nuove assunzioni al ministero Sviluppo economico e 10 all’Agenzia per il Digitale - valuterà tutti gli attori in quello che si definisce Perimetro della sicurezza cibernetica. Valuterà. Vecchione ha proposto anche di creare una sorta di «interruttore» a Palazzo Chigi per spegnere le reti in caso di intrusioni informatiche. Qualcosa di simile accadde un anno fa, quando il premier sospese per un giorno le comunicazioni del Processo civile telematico visto che erano stati violati i protocolli cifrati della Tim. «Di fatto, i nostri controlli sono sulla carta - denuncia un esperto, Umberto Rapetto, ex generale della Guardia di Finanza - e voglio proprio vedere quali esperti saranno in grado di capire se una rete, un operatore, o un apparecchio telefonico è sicuro o meno»

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT