mercoledi` 20 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
09.08.2019 Russia: esplode un sommergibile nucleare, ci vai in vacanza? attenzione alle radiazioni nucleari
Cronaca di Marta Ottaviani

Testata: La Stampa
Data: 09 agosto 2019
Pagina: 18
Autore: Marta Ottaviani
Titolo: «Esplosione sul sommergibile nucleare. Allarme radiazioni»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 09/08/2019, a pag.18 con il titolo "Esplosione sul sommergibile nucleare. Allarme radiazioni" la cronaca di Marta Ottaviani.

Immagine correlataImmagine correlata
Marta Ottaviani                  Putin allo specchio

Paura nel nord della Russia, in un'estate che sembra particolarmente problematica per il Paese più esteso del mondo. Un'esplosione in una fabbrica che ospita sottomarini nucleari ha provocato due morti e sette feriti. Le autorità locali hanno dichiarato che «le radiazioni hanno subito un breve incremento» per poi scendere nelle ore successive. La deflagrazione è avvenuta a Nyonoksa, sulla costa del mar Bianco, non lontano da Arcangelo, uno dei distretti più importanti nel nord del Paese, già nota per test sulla contaminazione radioattiva delle navi. Le autorità locali hanno aggiunto che l'esplosione si è verificata durante un esperimento su un motore a propellente liquido, provocando il ferimento di sei addetti del ministero della Difesa e un tecnico. «Due persone sono morte in seguito alle ferite riportate». I livelli di radiazione nell'area sono «aumentati di tre volte» subito dopo l'incidente, secondo fonti dei servizi d'emergenza. L'informazione è stata smentita dal Cremlino: «Nessun rilascio nell'atmosfera».

La tragedia del Kursk Il mar Bianco e il mare di Barents sono tristemente noti alle cronache non solo per i numerosi episodi poco chiari, ma soprattutto per la tragedia del Kursk, il sottomarino nucleare nel quale, nell'agosto del 2000, 118 membri dell'equipaggio morirono di freddo e soffocati a 108 metri di profondità a poco più di 100 chilometri dalla costa di Severomorsk. Si tratta della più grande tragedia navale di epoca post sovietica, che ebbe una grande eco dentro e fuori i confini nazionali. Lo scorso 14 luglio, sempre nel mare di Barents, 14 marinai sono morti in un incendio a bordo di un sottomarino nucleare sul quale le autorità sono stare molto parche di particolari. Per la Russia si tratta di un'estate particolarmente calda e difficile. Da settimane, la Siberia centro settentrionale è interessata da incendi senza precedenti, che hanno coinvolto oltre quattro milioni di ettari di foreste e che avranno conseguenze climatiche importanti anche a livello mondiale. Nei giorni scorsi, poi, un'esplosione in un deposito militare ha ucciso una persona e ne ha ferite altre 13. Le autorità si sono affrettate a sottolineare che la deflagrazione, avvenuta ad Achinsk, a circa 200 km da Krasnojarks, non aveva implicazioni sulla salute dei residenti. Nonostante questo, la popolazione nel raggio di circa 10 chilometri è stata evacuata.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT