sabato 18 gennaio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La storia di Chanukkah (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
01.08.2019 Israele, emerge dalle sabbie l'antica 'Cittą di Golia'
Una scoperta archeologica di grande importanza

Testata: La Stampa
Data: 01 agosto 2019
Pagina: 23
Autore: la redazione della Stampa
Titolo: «Torna alla luce in Israele la cittą di Golia»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 01/08/2019, a pag.23 la breve "Torna alla luce in Israele la cittą di Golia".


Risultati immagini per golia city israel
Gli scavi nella "Cittą di Golia"

Tremila anni dopo l'epica sfida col pastore israelita Davide, la cittą del gigante filisteo Golia, Gat, torna alla luce. Una squadra di archeologi guidati dal professor Aren Maeir dell'Universitą Bar Ilan di Tel Aviv ha riportato alla luce a Tel Zafit (fra Gerusalemme e Ashqelon) i resti di una localitą abitata per cinquemila anni consecutivi, dall'era del bronzo in poi. Insieme a Gaza, Ashkelon, Ashdod ed Ekron, Gat fu una delle cinque cittą filistee fino alla sua caduta intorno all'830 a.C. per mano del re arameo Hazael. Gli archeologi sapevano da decenni che Tel Zafit conteneva le rovine del luogo di nascita di Golia, ma la recente scoperta sotto un sito preesistente rivela che la sua cittą natale era un luogo di imponenza architettonica ancora maggiore della Gat di un secolo dopo. Secondo Aren Maeir - come riferisce il «Jerusalem Post» -, i reperti offrono una possibile spiegazione del resoconto biblico che parla di giganti come Golia, a cui non corrispondono evidenze archeologiche. «Non vi sono scheletri di persone pił alte dei cestisti della Nba - precisa Maeir -, ma il mito riportato nella Bibbia potrebbe rispecchiare il modo in cui una societą ha espresso allegoricamente i successi dei suoi antenati, interpretati alla luce delle imponenti strutture che si erano lasciati alle spalle».

Per inviare la propria opinione alla Stampa, telefonare: 011 /65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT