martedi` 23 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Danny Danon all'Onu: 'E' tempo di dichiarare guerra all'antisemitismo, anche quello mascherato da odio contro Israele' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
10.07.2019 Crisi Hong Kong-Cina: 'Morta la legge sull'estradizione'. Sempre possibile una 'resurrezione'?
Cronaca di Francesco Radicioni

Testata: La Stampa
Data: 10 luglio 2019
Pagina: 14
Autore: Francesco Radicioni
Titolo: «La premier Lam si arrende: 'Morta la legge sull'estradizione'»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 10/07/2019 a pag.14 con il titolo "La premier Lam si arrende: 'Morta la legge sull'estradizione' " la cronaca di Francesco Radicioni.

Immagine correlata
Carrie Lam

Dopo settimane di proteste, ieri la leader di Hong Kong Carrie Lam ha ammesso «il totale fallimento» della sua amministrazione sull'emendamento alla legge sull'estradizione in Cina e dichiarato «morta» la riforma che avrebbe permesso il trasferimento di hongkonghesi e stranieri di passaggio davanti a un tribunale cinese.
Invece che usare le due sillabe che nell'ultimo mese sono riecheggiate per le strade dell'ex-colonia britannica - «chit wui», «ritirato» - Lam ha però scelto una frase idiomatica che per i manifestanti è un modo per «giocare con le parole». Già dopo la marcia che aveva visto sfilare per le strade di Hong Kong un milione di persone e i tafferugli scoppiati tra manifestanti e polizia intorno al Parlamento, a metà giugno la Chief Executive di Hong Kong aveva annunciato la «sospensione» dell'emendamento. «Vi sono ancora dubbi sulla sincerità dell'amministrazione e che il governo possa riavviare il processo nel Consiglio Legislativo», ha detto ieri Carrie Lam. «Ripeto quindi che non esiste un simile piano e che la legge è morta», chiosava la leader di Hong Kong.

Immagine correlata
I grattacieli di Hong Kong


La protesta continua
L'apparente concessione dell'amministrazione di Hong Kong non ha però convinto chi nelle ultime settimane è sceso in piazza. Annunciando che le proteste continueranno, il Civil Human Rights Front - la sigla che ha organizzato molte delle manifestazioni - ha ribadito che solo «il ritiro» dell'emendamento potrebbe avere un significato «legale». «La parola "morto" non compare in nessuna legge di Hong Kong e in nessun procedimento del Consiglio Legislativo», diceva Bonnie Leung del Chrf. «Non ha risposto a nessuna delle nostre pubbliche richieste», scriveva ieri su Twitter Joshua Wong, uno dei volti più noti del Movimento degli Ombrelli del 2014. Nel corso della conferenza stampa la leader di Hong Kong ha escluso le sue dimissioni, così come un'indagine indipendente «sull'uso eccessivo della forza da parte della polizia» e l'ipotesi di non indagare i manifestanti arrestati. Intanto, la questione di Hong Kong è sempre più delicata per Pechino. Mentre interveniva al Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu, Denise Ho - cantante pop e attivista - è stata interrotta due volte da un diplomatico cinese a Ginevra. Ieri il Ministero degli Esteri ha anche criticato l'incontro a Washington tra il Segretario di Stato Mike Pompeo e Jimmy Lai, editore dell'Apple Daily, una delle voci più critiche verso Pechino nell'ex-colonia britannica.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT