martedi` 15 ottobre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il figlio di uno dei fondatori di Hamas: 'Ecco come ho deciso di stare dalla parte della libertà e di Israele'


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
25.06.2019 La doppia sconfitta del sultano Erdogan
Commento di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 25 giugno 2019
Pagina: 15
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Erdogan resta senza la 'cassaforte istanbul'»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 25/06/2019 a pag.15, con il titolo "Erdogan resta senza la 'cassaforte istanbul'" il commento di Giordano Stabile

Immagine correlataImmagine correlata
Giordano Stabile     Imamoglu ha sconfitto Erdogan a Istanbul

Chi perde Istanbul «perde la Turchia», aveva avvertito Recep Tayyip Erdogan. La metropoli bicontinentale è un città simbolo, imperiale, il centro del potere di un leader turco dalle esplicite ambizioni neo-ottomane. Ma è anche un motore economico, con un quinto della popolazione e un terzo del prodotto interno lordo. La sconfitta di domenica ha quindi molti risvolti. Compreso quello, che potrebbe rivelarsi devastante, sulla macchina del partito del presidente, l’Akp. Istanbul è stata per 17 anni la sua cassaforte e anche un bancomat. La battaglia per restare al potere a Istanbul, con la sciagurata decisione di far ripetere il voto e sottoporsi a una sconfitta cocente, era anche una lotta per mantenere le mani sulla città. La vittoria del candidato del partito repubblicano Ekrem Imamoglu è stata salutata dai mercati. La lira ha guadagnato l’1,6 per cento sul dollaro, a quota 5,72, la Borsa quasi il 2. Gli investitori sperano che la sconfitta spinga Erdogan a posizioni più prudenti, specie in politica estera, dove incombono nuove sanzioni americane in caso venga confermato l’acquisto dei missili russi S-400. Il presidente turco ha fatto i complimenti al vincitore ed è sembrato più conciliante con l’opposizione. Ma Erdogan guarda già alle presidenziali del 2023. Deve raddrizzare l’economia, ricucire con Trump, e soprattutto rimettere a punto la macchina organizzativa dell’Akp, finora un rullo compressore. La capitolazione di Istanbul complicherà non poco le cose. La città ha un bilancio pari a 7,5 miliardi di dollari, quasi quanto quello della Difesa, e superiore a molti altri dicasteri, compresi Esteri e Giustizia. Nel ventennio sotto l’Akp, e ancor prima, dopo l’elezione a sindaco dello stesso Erdogan nel 1994, Istanbul è stata una macchina di appalti e affari che hanno oliato gli ingranaggi dell’Akp. Un dato sottolineato da osservatori come Berk Esen, dell’Università Bilkent, per il quale la sconfitta segna «l’inizio della fine dello stile presidenziale turco e rende difficile per l’Akp sostenersi a livello economico». L’uso del «bancomat Istanbul» è stato uno dei temi della campagna elettorale di Imamoglu, che ha promesso «trasparenza nei bilanci». L’amministrazione, soltanto nel 2018, ha distribuito 150 milioni di dollari a fondazioni caritatevoli amiche dell’Akp, un cinghia di trasmissione del consenso fra le fasce popolari. Il municipio e le controllate danno poi lavoro a 80 mila persone, cioè 80 mila famiglia, altro bacino clientelare. Erdogan però non demorde. Già dopo la prima sconfitta, lo scorso 31 marzo, aveva rimarcato come Imamoglu non avesse la maggioranza al Consiglio comunale. E per questo lo aveva definito «un’anatra zoppa». Il sindaco, che punta sul buon governo per lanciarsi alle presidenziali del 2023, dovrà affrontare un Vietnam e il centro della guerriglia saranno aziende partecipate e appalti. Sono imprese di grosse dimensioni, molte fra le prime 500 del Paese, al centro di una metropoli che cresce a ritmi frenetici e si sta dotando di infrastrutture di livello mondiale, a cominciare dal nuovo aeroporto che punta a 200 milioni di passeggeri all’anno. In vista della sconfitta definitiva, l’Akp aveva già preparato una modifica legislativa per sottrarre competenze alla municipalità. La normativa punta ad affidare al presidente della Repubblica, invece che al sindaco, il potere di autorizzare i principali contratti. Mega appalti, a partire dallo stesso aeroporto e il terzo ponte sul Bosforo, che finora sono finiti quasi sempre ad aziende amiche, come Kalyon, Kolin, Limak. La mossa di togliere a Imamoglu la possibilità di indirizzare e regolare il futuro sviluppo della metropoli potrebbe però essere controproducente. Il neosindaco diventerebbe l’alfiere di una politica pulita, senza intrecci affaristici. Un secondo passo falso per Erdogan, forse questa volta fatale

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT