martedi` 15 ottobre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il figlio di uno dei fondatori di Hamas: 'Ecco come ho deciso di stare dalla parte della libertà e di Israele'


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
23.06.2019 Chi ha mandato a morire Giulio Regeni?
Perchè viene nascosta la verita?

Testata: La Stampa
Data: 23 giugno 2019
Pagina: 16
Autore: Stefania Piscitello
Titolo: «Dopo il Friuli anche un sindaco toglie la scritta per Regeni»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 23/06/2019, a pag.16, con il titolo "Dopo il Friuli anche un sindaco toglie la scritta per Regeni" la cronaca di Stefania Piscitello

Una cronaca in stile 'Manifesto' che anche sulla Stampa si ostina a ignorare chi è stato a mandare a morire in Egitto Giulio Regeni.

Continua sui nostri media la versione che imputa la responsabilità della morte di Giulio Regeni al solo Egitto. IC ha pubblicato molte pagine sulla prima e assoluta responsabile dell'aver inviato al Cairo il ricercatore italiano, la sua docente musulmana Maha Abdel Rahman (della Fratellanza Musulmana) all'università di Cambridge. Riportiamo il link del 03/11/2017http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=120&id=68149
uno dei tanti che invitiamo a leggere per conoscerela vera storia 

 Risultati immagini per Carlo Bonini,Giuliano Foschini:Immagine correlata
                                            Maha Abdel Rahman

L’ Emilia come Trieste. Francesco Menani, il nuovo sindaco leghista di Sassuolo, “copia” Massimiliano Fedriga e toglie lo striscione “Verità per Giulio Regeni” che fino a venerdì era appeso al balcone del municipio. Le motivazioni? «Si tratta di una questione passata, non più di attualità. Inoltre il cartellone era ormai impolverato e sporco, ed era diventato antiestetico per il centro della nostra città» ha spiegato, a caldo, il sindaco. Assicurando che «continueremo a dare la nostra solidarietà alla famiglia Regeni, ma non attraverso uno striscione». Ieri, quand’è scoppiato il caso, nessun dietrofront. Anzi. Menani liquida quelle che chiama «sterili polemiche». E contrattacca: «La gente ha tempo da perdere e la storia di Giulio Regeni non riguarda Sassuolo, è una questione nazionale e internazionale. La nostra città ha ben altri problemi da risolvere e ritengo che questa faccenda sia stata strumentalizzata da troppe persone». Le reazioni politiche Benzina sul fuoco delle reazioni. E le prime arrivano proprio dal Pd sassolese: quello striscione per Giulio era stato appeso tre anni fa. Ed era stata la giunta di centrosinistra, allora al governo, a decidere di aderire alla campagna di Amnesty International. «I primi passi del sindaco Menani alla guida di Sassuolo sono lontani dall’essere qualcosa di cui andare orgogliosi» tuonano i dem. «Errore gravissimo» rincara l’ex presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani. «Penso anche allo striscione che io stessa avevo posto nella sede del Friuli Venezia Giulia, non per fare politica o strumentalizzare ma perché c’è bisogno di verità, tanto più ora che la si vuole negare anche a tutto il popolo italiano». Dà man forte la senatrice del Pd Tatjana Rojc: «La scomparsa degli striscioni per Regeni, uno dopo l’altro, risponde a una precisa linea di politica estera della Lega, oltre che alla predisposizione a mettere sotto il tappeto le questioni dei diritti umani. I legami tra Salvini e l’Egitto di Al Sisi sono noti e rivendicati». Duro anche l’attacco di Fratoianni di Sinistra italiana: «Le giustificazioni odierne del neosindaco di Sassuolo sono ridicole. Questi leghisti sono semplicemente dei codardi. Ora mi auguro che a Sassuolo nei prossimi giorni siano tanti i balconi contrassegnati dallo striscione giallo di Amnesty. Sarebbe l’unica vera risposta civile e il miglior modo per ricordare e rispettare Giulio».

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT