sabato 20 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Benjamin Netanyahu con John Bolton sul Golan (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
23.06.2019 Come agisce Trump: attenzione a chi non ce la racconta giusta
Lo racconta correttamente Paolo Mastrolilli

Testata: La Stampa
Data: 23 giugno 2019
Pagina: 6
Autore: Paolo Mastrolilli
Titolo: «Guerra di parole fra Usa e Iran. Trump: non avrà mai l'atomica»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 23/06/2019, a pag.6 con il titolo "Guerra di parole fra Usa e Iran. Trump: non avrà mai l'atomica" il commento di Paolo Mastrolilli

Immagine correlata
Quello di destra l'ha già sistemato, con l'altro ci sta provando

Aldilà delle chiacchiere, ecco un resoconto corretto della politica di Trump nei confronti dell'Iran, complimenti a Paolo Mastrolilli

Immagine correlata
Paolo Mastrolilli

«Rifacciamo grande l'Iran. Per me va bene. Ma non ci riusciranno mai se pensano di avere un'arma nucleare nel giro di cinque o sei anni». Ieri mattina, partendo per Camp David, ci ha pensato lo stesso Trump a chiarire la logica della sua strategia verso Teheran: lui è pronto a fare un accordo che renderebbe ricco il paese, a patto che rinunci all'atomica. Altrimenti lo scontro militare diventerebbe inevitabile. La retorica tra i due paesi resta bellicosa. Il capo della Casa Bianca ha detto alla «Nbc» che non vuole la guerra, ma ha aggiunto che se scoppierà, la Repubblica islamica sarà «obliterata». L'Iran ha risposto che è in grado di rispondere a qualunque attacco. «Ogni errore compiuto dai nemici dell'Iran, si scatenerà l'inferno», ha detto in una nota l'esercito iraniano. Al di là degli attacchi verbali, però, Trump ha chiarito i suoi obiettivi. Ha ammesso che una corrente dell'amministrazione, guidata dal suo consigliere per la Sicurezza nazionale Bolton, vuole la guerra per cambiare il regime. Il presidente però ha chiarito che ascolterà tutti, e alla fine sarà lui a prendere la decisione: «Prima mi accusavano di essere un falco, ora una colomba. Non sono né uno, né l'altro: sono una persona sensata, che cerca di prendere decisioni sensate». Fin dalla campagna elettorale Trump aveva chiarito di non essere un interventista, facendosi nemica la famiglia Bush e l'intero gruppo dei neocon, quando aveva bocciato la guerra in Iraq come una delle iniziative più stupide nella storia americana. Questa posizione è stata una delle chiavi della sua vittoria nel 2016, come gli ha ricordato il giornalista Tùcker Carlson, convincendolo che il raid contro l'Iran non gli conveniva per la rielezione. Nello stesso tempo, pero, il capo della Casa Bianca non può accettare che la Repubblica islamica costruisca l'atomica, perché rappresenterebbe il fallimento della sua intera politica mediorientale. La linea scelta dunque è molto simile a quella adottata con la Corea del Nord: massima pressione, a parole sul piano militare, e nei fatti su quello economico con nuove sanzioni in vigore da domani, con l'obiettivo di spingere l'avversario ad accettare un accordo. I suoi critici, anche quelli nel Partito repubblicano come la figlia di Cheney, iniziano a pensare che non funzioni, perché i rivali ormai hanno capito che bluffa e non abboccano più alle minacce. Magari fingono di dialogare, ma poi continuano a fare i propri interessi. Il caso dell'Iran perb potrebbe essere diverso, e Trump ha avvertito che l'opzione miliare resterà sul tavolo fino a quando non sarà risolto

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT