martedi` 23 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Danny Danon all'Onu: 'E' tempo di dichiarare guerra all'antisemitismo, anche quello mascherato da odio contro Israele' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
16.06.2019 Israele-Libano, si avvicina la pace del gas. Aggiungiamo 'forse'
Cronaca di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 16 giugno 2019
Pagina: 11
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Israele-Libano, si avvicina la pace del gas»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 16/06/2019, a pag.11, con il titolo "Israele-Libano, si avvicina la pace del gas" la cronaca di Giordano Stabile

Immagine correlataImmagine correlata
Giordano Stabile

Fra Hezbollah e Israele soffiano venti di guerra e la retorica bellica va a mille, ma intanto il governo libanese e quello israeliano hanno fatto un passo in avanti storico e accettato la mediazione Usa per risolvere la settantennale disputa sui confini marittimi e terrestri. Rappresentanti dei due Paesi si vedranno a Naqura, vicino alla frontiera dove ha sede il quartiere generale della missione Unifil. Sarà un tavolo tripartito, con la partecipazione dei mediatori Usa. Sembra una replica delle riunioni a tre fra ufficiali israeliani, libanesi e delle Nazioni Unite che da 13 anni contribuiscono a evitare un altro conflitto. La formula è stata proposta dall’inviato americano David Satterfield, già ambasciatore a Beirut negli anni della guerra civile, un diplomatico che conosce tutte le sottigliezze del Medio Oriente e parla un ottimo arabo. La spola di Satterfield fra Gerusalemme e Beirut va avanti da mesi. I colloqui dovranno risolvere i disaccordi su 13 punti del confine, comprese le «fattorie di Sheba» al centro di mille conflitti. Ma il punto cruciale riguarda la frontiera marittima, perché corre su giacimenti di gas che entrambe le nazioni vogliono sfruttare. Israele già produce e fra poco esporterà gas, da piattaforme al largo delle sue coste meridionali. Il bacino a Nord lo trasformerebbe in una piccola potenza degli idrocarburi. Ma per il Libano, alle prese con una cronica scarsità di elettricità, il metano sarebbe una manna, anche per le casse dello Stato. L’incentivo è quindi fortissimo a mettersi d’accordo. Ed è pure nell’interesse di Hezbollah. I servizi israeliani hanno rivelato che i trasferimenti finanziari dall’Iran, causa sanzioni, sono crollati da un miliardo a 600 milioni di dollari. La manna del gas potrebbe riversarsi anche nelle casse del Partito di Dio e risolvere il problema. A questo punto una nuova guerra diventerebbe meno probabile. I miliziani hanno perso una delle loro carte strategiche con la distruzione da parte israeliana di 6 tunnel che sbucavano nel territorio dello stato ebraico e avrebbero permesso attacchi a sorpresa. Dispone ancora di decine di migliaia di razzi e missili, ma in caso di conflitto andrebbero in fumo anche i miliardi promessi dall’estrazione del metano.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT