domenica 15 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunità ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
12.06.2019 Russia, torna libero il giornalista, anche il Cremlino ammette: 'Nessuna prova contro di lui'
Cronaca di Giuseppe Agliastro

Testata: La Stampa
Data: 12 giugno 2019
Pagina: 15
Autore: Giuseppe Agliastro
Titolo: «Il governo cede alla piazza e rilascia il reporter»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 12/06/2019 a pag. 15 con il titolo "Il governo cede alla piazza e rilascia il reporter" il commento di Giuseppe Agliastro.

Immagine correlata
Giuseppe Agliastro

Ivan Golunov è di nuovo libero. Dopo cinque giorni di inferno, il giornalista russo specializzato in inchieste sulla corruzione è stato scagionato dalle improbabili accuse di spaccio di droga rivoltegli dalla polizia. Di fronte allo scalpore e all’indignazione che il caso ha suscitato in Russia e in tutto il mondo, il Cremlino alla fine è stato costretto a fare marcia indietro: contro Golunov «non ci sono prove», ha ammesso ieri il ministro dell’Interno Vladimir Kolokoltsev dopo che alcuni test hanno dato esito negativo. Di fatto una conferma che qualcuno aveva cercato di incastrare il reporter.

Immagine correlata
Ivan Golunov


Le mosse di Navalny
La «meravigliosa notizia» è stata subito salutata con entusiasmo dagli ambienti liberali. Per l’oppositore Aleksey Navalny, che le carceri russe le conosce bene, la storia di Ivan è «un esempio stimolante e motivante di ciò che si può ottenere con la semplice solidarietà alle persone perseguitate». Soddisfatti anche gli attivisti di Reporter Senza Frontiere, che plaudono alla «storica mobilitazione della società civile russa».
Lunedì i tre principali quotidiani liberali del Paese - Vedomosti, Rbk e Kommersant - avevano dedicato l’intera prima pagina alla vicenda con un comune titolo a nove colonne: «Io, noi siamo Ivan Golunov». Centinaia di persone erano scese in piazza la settimana scorsa e anche oggi che si celebra il Giorno della Russia era prevista una manifestazione di solidarietà a favore del giornalista.

Immagine correlata
Aleksey Navalny

La sospensione degli agenti
Ivan era stato fermato dalla polizia giovedì pomeriggio nel centro di Mosca. Gli agenti sostenevano di avergli trovato 3,5 grammi di droga sintetica (mefedrone) nello zaino e poi 5,4 grammi di cocaina e vari strumenti da pusher nell’appartamento in cui vive. Ma molti elementi non quadravano.
Ivan è stato picchiato brutalmente dagli agenti e due giorni dopo le violenze è finito in ospedale per una sospetta commozione cerebrale. Solo 12 ore dopo il fermo ha potuto chiamare un avvocato. Il suo legale ritiene che siano stati gli stessi poliziotti a mettergli la droga nello zaino e nell’appartamento. Anche perché, stranamente, le foto dell’abitazione pubblicate online dal ministero dell’Interno come prova dell’attività di spaccio non erano neanche state scattate nell’appartamento del reporter.
Ieri sera, dopo la revoca dei domiciliari, Ivan ha ringraziato in lacrime chi lo ha sostenuto. Adesso qualcuno pagherà. Gli agenti che lo hanno arrestato sono stati sospesi, ma il ministro dell’Interno ora vuole anche la testa di due generali.

 

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT