domenica 15 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunità ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
12.06.2019 Verso la conferenza di pace in Bahrein: ecco l'adesione di Egitto, Giordania, Marocco
Cronaca di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 12 giugno 2019
Pagina: 14
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Giordania e Egitto alla conferenza di pace sul Medio Oriente»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 12/06/2019, a pag.14 con il titolo "Giordania e Egitto alla conferenza di pace sul Medio Oriente", la cronaca di Giordano Stabile.

Immagine correlata
Giordano Stabile

Immagine correlata
Jared Kushner, Benjamin Netanyahu

Egitto, Giordania e Marocco saranno alla conferenza sul piano di pace americano per il Medio Oriente, prevista il 25 e 26 giugno a Manama, in Bahrein. Con queste adesioni, annunciate ieri pomeriggio dalla Casa Bianca, il vertice organizzato dall’amministrazione Trump prende quota e vedrà i tre Paesi arabi affiancare quelli del Golfo, che già avevano dato il loro assenso alla partecipazione. La conferenza affronterà soltanto la «parte economica» della proposta, che prevede investimenti fino a «65 miliardi di dollari» nei Territori palestinesi e nei Paesi confinanti, a cominciare proprio dalla Giordania e dall’Egitto. L’idea di una sorta di piano Marshall che dovrebbe accompagnare il riassetto della regione aveva finora stentato a decollare, soprattutto per l’opposizione dei palestinesi. Il presidente Abu Mazen ha subito detto che non sarà presente e ha rigettato le offerte americane. In sintesi, ha puntualizzato il raiss, Gerusalemme non può essere «messa in vendita». Anche se non ci sono dettagli ufficiali del piano, dalle continue fughe di notizie è apparso chiaro che la maggior parte della Città Santa passerà sotto sovranità israeliana e questo è inaccettabile per la leadership palestinese. Il no di Abu Mazen nasce però dal timore di perdere anche pezzi della Cisgiordania. Due giorni fa l’ambasciatore americano a Gerusalemme, David Friedman, ha dichiarato per la prima volta che Israele ha diritto ad annettere «alcune parti della West Bank» nell’ambito del piano elaborato dal consigliere della Casa Bianca Jared Kushner e dall’inviato speciale Jason Greenblatt. Il riferimento è ai principali insediamenti, che dovrebbero diventare parte di Israele assieme a Gerusalemme Est. Queste indiscrezioni hanno irritato anche Amman, in quanto il re hashemita Abdullah è di fatto custode delle moschee sante sulla Spianata.

Il ruolo di Re Abdullah
Ma la Giordania sarà anche in prospettiva il maggior beneficiario della parte economica del piano americano. I miliardi, in arrivo principalmente dal Golfo, serviranno a rilanciare una economia in crisi cronica e un bilancio sull’orlo del default. Questi argomenti hanno convinto Re Abdullah. Stesso discorso per l’Egitto del presidente Abdel Fatah al-Sisi, alleato chiave di Arabia Saudita ed Emirati Arabi, decisi sostenitori della proposta americana, a parte le riserve sullo status di Gerusalemme. La conferenza in Bahrein, che sembrava addirittura in forse dopo l’annuncio a sorpresa di nuove elezioni in Israele il 17 settembre, è ora al sicuro, anche per evitare un brutta figura a Trump e al genero Jared Kushner.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT