venerdi 22 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
30.04.2019 Sul New York Times la vignetta antisemita
Cronaca di Paolo Mastrolilli

Testata: La Stampa
Data: 30 aprile 2019
Pagina: 16
Autore: Paolo Mastrolilli
Titolo: «Il Times si scusa per le vignette antisemite»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 30/04/2019, a pag. 16 con il titolo "Il Times si scusa per le vignette antisemite", la cronaca di Paolo Mastrolilli.

A destra: l'estrema sinistra incontra l'antisemitismo razzista sul New York Times

Ieri mattina IC, con il commento di Michelle Mazel, è stato il primo a segnalare la vignetta in stile nazista del New York Times. Oggi i media italiani  ignorano di fatto la vignetta, non sia mai, attaccare il più citato dei giornaloni mondiali, poco importa se copia le caricature di Herr Hitler.La Stampa fa eccezione con il commento di Paolo Mastrolilli, mentre Libero pubblica anche l'ignobile vignetta, che IC aveva deciso di non pubblicare per non darle alcuna pubblicità.
Riprendiamo invece la contro-vignetta che trovate in questa pagina, segnalataci dalla nostra Silvia Grinfeld.

Immagine correlata
Paolo Mastrolilli

«Il New York Times è sempre stato un giornale antisemita, fin da prima della Seconda Guerra Mondiale, nonostante la proprietà sia ebraica». Questo attacco, lanciato dall’ex Speaker repubblicano della Camera Newt Gingrich, aiuta a capire le dimensioni del problema in cui il giornale di Manhattan si è cacciato, pubblicando una vignetta che ha generato polemiche in mezzo mondo.

Immagine correlata
Der Stürmer in versione americana


Giovedì sulla versione internazionale del Times è uscito un «cartoon» che ritraeva il presidente Trump come un vecchio cieco, con in testa il copricapo yarmulke. Teneva al guinzaglio un cane, che lo guidava e aveva la faccia del premier israeliano Netanyahu, con tanto di Stella di David al collo. La polemica è subito scoppiata, e la direzione ha risposto con una nota: «Quell’immagine era offensiva, e pubblicarla è stato un errore». Questa reazione non ha placato le proteste, e quindi la portavoce Eileen Murphy ha aggiunto una dichiarazione più dettagliata: «Siamo profondamente dispiaciuti. Queste immagini sono sempre pericolose, e in un momento in cui l’antisemitismo sta aumentando nel mondo sono ancora più inaccettabili. Siamo impegnati a garantire che una cosa del genere non accada più».
Il Times ha spiegato che la vignetta era stata disegnata dal portoghese Antonio Moreira Antunes, e pubblicata sul giornale di Lisbona Expresso. Quindi era stata presa da CartoonsArts International, un’agenzia che raccoglie materiale in tutto il mondo e lo rivende attraverso il New York Times Licensing Group. Un editor della versione internazionale del Times ha visto la vignetta e ha deciso di sua iniziativa di stamparla.

L’attacco del presidente
Trump ha subito colto l’occasione per attaccare il giornale, chiedendo «perché non si scusa anche con me», mentre l’American Jewish Committee ha risposto che «le scuse non sono accettate». L’avvocato Alan Dershowitz ha denunciato che «l’antisionismo è una copertura per l’antisemitismo». Il NYT ha pubblicato un editoriale di Bret Stephens, che offre un’altra interpretazione: «Il problema non è che quella vignetta fosse un atto volontario di antisemitismo. Non lo era. Il problema è che la sua pubblicazione è stata un incredibile atto di ignoranza dell’antisemistismo». Stephens ha elencato tutti gli elementi che avrebbero dovuto far scattare l’allarme, dall’ebreo dipinto come un cane, al servo che in realtà è il vero maestro. E ha sottolineato quanto sia grave che siano sfuggiti: «Sono al Times da due anni, e sono certo che l’accusa che sia in qualunque modo antisemita è una calunnia». A maggior ragione, perciò, colpisce l’ignoranza che secondo Stephens sarebbe all’origine dell’errore, perché è ancora più diffusa nella nostra società e ci espone a qualunque genere di conseguenze.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT