giovedi` 20 giugno 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Brigitte Gabriel all'Onu difende gli ebrei e Israele sotto attacco (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
12.04.2019 Il genocidio armeno e la storia cancellata dai turchi
Cronaca di Maria Rosa Tomasello

Testata: La Stampa
Data: 12 aprile 2019
Pagina: 18
Autore: Maria Rosa Tomasello
Titolo: «La Camera: 'In Armenia fu genocidio'. L'ira di Ankara»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 12/04/2019, a pag.18, con il titolo "La Camera: 'In Armenia fu genocidio'. L'ira di Ankara", la cronaca di Maria Rosa Tomasello.

Immagine correlata
Armeni impiccati dai turchi

La Camera vota a maggioranza la mozione bipartisan che impegna il governo italiano a riconoscere il genocidio armeno del 1915 e si scatena la rabbia di Ankara. La Turchia protesta con durezza, annunciando conseguenze «inevitabili» sulle relazioni con l’Italia e accusando la Lega - definito «un partito xenofobo» - di strumentalizzare la vicenda in vista delle elezioni europee. «La risoluzione è un esempio di come la questione armena sia utilizzata da vari Paesi per sviare l’attenzione da problemi di politica interna, e come tutti i tentativi di politicizzare la Storia è priva di valore -accusa il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu -. La risoluzione è frutto del tentativo del leader della Lega Salvini di sabotare le relazioni tra Italia e Turchia». Ma il documento, approvato con 382 voti a favore, nessun contrario e 43 astenuti (i deputati di Forza Italia), è salutato dall’applauso di tutti i deputati.

Immagine correlata

«Una giornata storica per la nostra democrazia - dichiarano i deputati leghisti Riccardo Molinari, Paolo Formentini e Giulio Centemero - che dimostra come questo governo porti avanti le idee e i valori». «Il genocidio armeno perpetrato dall’Impero Ottomano rappresenta, dopo l’Olocausto, la pagina più ripugnante e orrenda del Ventesimo secolo», afferma il senatore del Carroccio, Roberto Calderoli, mentre Emilio Carelli del M5S, prudente, sottolinea il «ruolo strategico di porta tra Oriente e Occidente» della Turchia e precisa: «Non sono in discussione i buoni rapporti con uno Stato amico, ben diverso dall’Impero Ottomano». «Il Parlamento ha resistito alle pressioni turche», esulta Andrea Delmastro (Fd’I), ricordando che lunedì l’ambasciatore ad Ankara, Massimo Gaiani, era stato convocato al ministero degli Esteri turco, che esprimeva il proprio disappunto. Di «atto storico che rende giustizia» parla Quartapelle, capogruppo Pd in Commissione Esteri alla Camera.
«È un primo passo, ma siamo a 104 anni dagli eventi. Quanto ancora dobbiamo aspettare?», si chiede Lourian Minas, presidente dell’Unione Armeni d’Italia. Anush Torunyan, presidente di Assoarmeni, auspica che «non diventi un contentino: speriamo che il governo esprima la sua posizione».
Il massacro, con centinaia di migliaia di persone deportate e uccise alla fine dell’Impero ottomano tra il 1915 e il 1916 - 1,5 milioni di vittime secondo gli armeni - è oggi riconosciuto come genocidio da una ventina di Paesi nel mondo, Russia e Francia comprese. Nel 2015 il Parlamento europeo ha chiesto, senza risultato, un passo analogo alla Turchia.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT