martedi` 26 marzo 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
13.03.2019 Usa: il caso Ilhan Omar e lo scandalo antisemitismo nel partito democratico
Analisi di Bernard-Henri Lévy

Testata: La Stampa
Data: 13 marzo 2019
Pagina: 25
Autore: Bernard-Henri Lévy
Titolo: «Il caso Ilhan Omar, anche in America la sinistra radicale sposa l'antisemitismo»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 13/03/2019, a pag. 25 con il titolo "Il caso Ilhan Omar, anche in America la sinistra radicale sposa l'antisemitismo" il commento di Bernard-Henri Lévy.

A destra: Ilhan Omar. Sullo sfondo, Bernie Sanders, altro esponente democratico anti-Israele

Immagine correlata
Bernard-Henri Lévy

Ilhan Omar è un’esponente di quei giovani democratici che, grazie alle elezioni di medio termine dello scorso novembre, sono entrati a far parte del Congresso degli Stati Uniti.
È nera.
Di origine somala. È musulmana e indossa l’hijab.
Ed è, da qualche giorno, all’onore delle cronache per aver fatto osservazioni scandalose e offensive su Israele e la lobby filoisraeliana negli Stati Uniti.
Già nel 2012, agli albori della sua carriera politica, aveva fatto notizia dichiarando che Israele aveva «ipnotizzato il mondo» e che lei pregava Allah di «svegliare il popolo» e aiutarlo a «vedere chiaramente le sue atrocità».

 

 

Immagine correlata
Le parole di Ilhan Omar: "Israele ha ipnotizzato il mondo, che Allah possa svegliare le persone e aiutarle a vedere le malefatte compiute da Israele"


Poi, alcuni anni dopo, in risposta a un avversario che aveva rispolverato quella dichiarazione ed era rimasto spiacevolmente colpito dal fatto che lei, al Congresso dello Stato del Minnesota, si fosse unita ai sostenitori del boicottaggio di Israele, aveva obiettato che «attirare l’attenzione sull’apartheid israeliano» non faceva di lei una persona che «odiava gli ebrei».
Ma ecco che stavolta la giovane rappresentante si spinge ancora oltre e dice, in sostanza, che i suoi nuovi colleghi che sostengono Israele non lo fanno per convinzione o per amore della democrazia, o in virtù di un’analisi approfondita degli interessi del Paese, ma grazie a «Benjamin», ovvero al biglietto da 100 dollari (che effigia Benjamin Franklin n.d.t.), insomma, perché sono stati corrotti dalle potenti lobby filosioniste.
Quest’ affermazione ha l’effetto dirompente di una bomba. Ed è condannata dalla maggioranza degli esponenti repubblicani e dei democratici, è evidente che l’ostilità verso lo Stato ebraico opera come un magnete in grado di attrarre, riciclare e riattivare i più banali pregiudizi antisemiti: doppia fedeltà, amore per il lucro, propensione al tradimento.

Ma maggioranza non significa unanimità. E almeno tanto importante quanto il clamore è lo strano dibattito a cui questo caso ha dato luogo.
Sorvolo sulla reazione di vecchi antisemiti come David Duke, l’ex «Grande Mago» del Ku Klux Klan, che è arrivato in soccorso della giovane donna e, in risposta a Donald Trump che ne chiede le dimissioni, si congratula con lei per avere «denunciato le bustarelle israeliane ricevute dai membri del Congresso».
Ma non posso sorvolare sull’immediata solidarietà di Alexandria Ocasio-Cortez, democratica, eletta a New York e astro nascente del partito, che si è sorpresa per le critiche «offensive» di cui sua la collega era oggetto e ha reclamato lo stesso «livello di reazione quando altri eletti rilasciano dichiarazioni sui latinos o su altre comunità».
Né su quella dell’attivista Linda Sarsour, icona della Women’s March e, peraltro, sostenitrice della sharia (non ha forse detto, in un tweet poi cancellato, che Ayaan Hirsi Ali meritava, in quanto «cattiva» musulmana, che le fosse «strappata la vagina»?) che dice di «appoggiare la rappresentante Ilhan Omar» e condannare l’atteggiamento delle «femministe bianche» che, mentre le chiedono di scusarsi, fanno il «lavoro sporco» per gli «uomini di potere bianchi».

Né su quella della presidente democratica della Camera, Nancy Pelosi, che, dopo un tête-à-téte con Omar, che ha convinto, in effetti, a chiedere scusa, tenta di discolparla con una dichiarazione che raggiunge vertici mai visti di condiscendenza e/o relativismo affermando che la giovane americano-somala «non misura il peso delle sue stesse parole» e ha una «diversa esperienza» dell’uso della lingua. Né, a maggior ragione posso sorvolare sulle dichiarazioni di James Clyburn, rappresentante della Carolina del Sud, che spiega questo passaggio all’antisemitismo con il suo doloroso passato di rifugiata in Kenya; dicendo che, invece di prendersela con lei, i suoi colleghi dovrebbero «rispettare e onorare» la vittima che è stata; e concludendo che lei ha una relazione con la sofferenza «più personale» rispetto ai figli delle vittime della Shoah.
Per non dire di Debbie Dingell, rappresentante del Michigan e democratica della vecchia scuola, che ha esortato «entrambe le parti» (sì, «entrambe le parti»! Le parole di Donald Trump dopo Charlottesville!) a non diffondere odio, razzismo e islamofobia.
E cosa dobbiamo pensare del testo stesso della risoluzione infine adottata dal Congresso, che, dopo accesi dibattiti in cui la condizione di Omar, donna nera e musulmana sembrava pesare almeno tanto quanto le critiche a lei rivolte, condanna sì l’antisemitismo - ma 1. senza nominarlo espressamente e 2. avendo cura di condannare anche, nello stesso afflato di tartuferia benpensante e confusione politica, la «discriminazione anti-musulmana e l’intolleranza contro ogni minoranza».
La sequenza è istruttiva in più di un senso. Dimostra che il dibattito sulla metamorfosi dell’antisemitismo, rianimato dall’antisionismo, non è una specialità francese. Illustra la deriva di una parte della giovane guardia democratica, che ragiona come i laburisti di Jeremy Corbyn ed è pochissimo incline a denunciare il preoccupante ritorno dell’antisemitismo di sinistra.
E rivela come gli Stati Uniti, che con Trump avevano già la destra più deplorevole della loro storia, stiano assistendo alla nascita, speculare, di una sinistra allo stesso tempo stupida, malevola, falsamente anti-razzista e antifascista - consegnata nel peggiore dei casi all’antisemitismo e, nella migliore delle ipotesi, a quella lebbra dell’intelligenza che è la credenza nell’inevitabile competizione tra vittime e ricordi.
Che le due cose siano collegate, che la corbinizzazione dei democratici sia un effetto indotto della trumpizzazione dei repubblicani è tutt’altro che rassicurante. Per coloro che speravano di veder cambiare il Paese nel giro di due anni è lo spirito di Martin Luther King e Barack Obama a essere assassinato - ed è terribile.
Traduzione di Carla Reschia

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT