domenica 19 maggio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità sulla 'Nakba' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
11.03.2019 Il Parlamento europeo dice no all'adesione della Turchia islamizzata del dittatore Erdogan
Cronaca di Marta Ottaviani

Testata: La Stampa
Data: 11 marzo 2019
Pagina: 17
Autore: Marta Ottaviani
Titolo: «Il rapporto Ue boccia Erdogan: 'Ignorati diritti fondamentali'»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 11/03/2019 a pag.17 con il titolo "Il rapporto Ue boccia Erdogan: 'Ignorati diritti fondamentali' " la cronaca di Marta Ottaviani.

Bene fa il Parlamento europeo a rifiutare l'adesione alla Ue della Turchia di Erdogan, un Paese ormai islamizzato e sulla strada di una dittatura sempre più oppressiva. Non dimentichiamo però i tentativi di far entrare la Turchia in Europa da parte di illustri leader del centro sinistra (Bonino, Boldrini, Mogherini ecc..), che adesso, per fortuna, tacciono.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Marta Ottaviani

Strasburgo si prepara a bacchettare Ankara. Questa settimana, già oggi o domani, l’Europarlamento voterà una mozione per sospendere i negoziati di adesione con la Turchia. Gli eurodeputati voteranno la bozza del rapporto annuale, preparato da Kati Piri, membro della commissione Affari Esteri e che segue da vicino i progressi, in questo caso i regressi, della Mezzaluna. La mozione è già stata approvata con una maggioranza schiacciante dalla Commissione ed è certo che supererà senza problemi anche il test dell’Assemblea plenaria. Come tutte le votazioni di questo tipo, non ha valore vincolante per la Commissione europea. Ma lancia un messaggio politico molto chiaro, che per giunta arriva a poco più di due mesi dal voto per il rinnovo del Parlamento europeo di maggio.

Immagine correlata
Il kebab di Erdogan


Sono anni che nei rapporti annuali sul Paese, la Turchia viene bocciata, soprattutto per quanto riguarda la situazione dei diritti umani. Ma, stavolta, il documento è ancora più severo. Gli osservatori europei ritengono che i diritti fondamentali e il rispetto della legge nel Paese siano sempre più ignorati. Nonostante la fine dello Stato di emergenza, implementato dopo il fallito golpe del luglio 2016 e terminato dopo ben due anni, alcuni organi continuano a operare indisturbati nella limitazione della libertà altrui, incuranti delle norme. Il report per la prima volta si sofferma anche sull’utilizzo della Diyanet, l’Autorità per gli Affari Religiosi, e dei servizi segreti per fare pressione ai sospetti appartenenti al network di Fethullah Gülen, sospettato di essere l’ideatore del fallito golpe, che vivono sul territorio europeo. Nel mirino anche le operazioni dell’intelligence turca per arrestare sospetti gulenisti in Paesi terzi.

Due giornalisti tedeschi rimpatriati
Ci sono poi le questioni aperte alle quali Ankara ha abituato la Ue ormai da anni. Il rispetto delle minoranze, gli arresti per presunte attività terroristiche che continuano ad andare avanti a quasi tre anni dal fallito golpe, gli oltre 300mila passaporti ritirati e che impediscono a nuclei familiari interi di espatriare. Il quadro potrebbe essere ancora più fosco. Un’inchiesta del quotidiano di opposizione Cumhuriyet ha rivelato che le persone coinvolte nelle indagini post golpe sono oltre 500 mila, spesso senza prove sufficienti. Le persone in carcere sono circa 50 mila, molte di queste ancora in attesa di processo. Ieri hanno lasciato la Turchia i due giornalisti tedeschi a cui non è stato rinnovato l’accredito. L’ambasciata turca a Berlino aveva chiesto alle testate per cui lavoravano i due reporter di cambiare il corrispondente. Dopo il loro rifiuto, è scattato il ritiro della tessera stampa.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

 


lettere@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT