domenica 21 aprile 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Sono i terroristi di Hamas i veri responsabili dell'oppressione degli arabi palestinesi a Gaza' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
30.12.2018 Jihad penetra nel Maghreb, a combatterlo anche il Ciad si rivolge a Israele
Commento di Francesco Semprini

Testata: La Stampa
Data: 30 dicembre 2018
Pagina: 9
Autore: Francesco Semprini
Titolo: «Kamikaze nel Sahel e roccaforti nel Sud libico. Così la nuova jihad si sposta verso il Maghreb»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 30/12/2018, a pag.9 con il titolo "Kamikaze nel Sahel e roccaforti nel Sud libico. Così la nuova jihad si sposta verso il Maghreb" l'analisi di Francesco Semprini

Immagine correlata

Segnaliamo l'ultimo capoverso sul legame che si è instaurato con il Ciad, a riprova della capacità diplomatica del governo Netanyahu

Immagine correlata
Francesco Semprini

Teste pensanti nel Sinai, manovalanza saheliana, roccaforti nel Sud della Libia e slanci verso il Sahara Occidentale passando per Marocco e Algeria. È una prima radiografia della jihad 4.0, emerge dagli attentati degli ultimi mesi, a partire da quello in Egitto, le cui matrici vengono ricercate nel Sinai, dove si annida una nuova leadership dello Stato islamico. C’è poi l’attacco al ministero degli Esteri libico ad opera di kamikaze - sembra - dalla pelle scura, forse ciadiani e sudanesi, un elemento di distacco rispetto al passato, quando le attività terroristiche nel Paese erano appannaggio quasi esclusivo della cupola tunisina. Proseguendo per i ripetuti attentati nel Fezzan in cui trovano posto le bandiere nere tanto quanto Al Qaeda nel Maghreb, come dimostrano i raid compiuti da Africom proprio in Libia. zione della produzione e una perdita di 388 mila barili di greggio al giorni, pari a 32,5 milioni di dollari, e i sabotaggi ai sistemi idrici di al-Hasawna. Le assenze dello Stato A Seba, le tensioni tribali sfociano in scontri armati tra la tribù araba degli Awlad Suliman e la minoranza etnica dei Tebu. Il tutto reso ancora più complicato da infiltrazioni dell’opposizione ciadiana, del «Movimento per la giustizia e l’uguaglianza del Sudan» e del «Movimento per la liberazione del Sudan» a cui appartengono le potenti tribù Zaghawa, Masalit e Fur, quest’ultima attiva nel Darfur. Violenze e assenza dello Stato fanno così del Sud della Libia un far west nel quale si mescolano conflitti e alleanze sempre più poliedriche tali da far temere il propagarsi della crisi libica in un’area già ampiamente destabilizzata e fragile come quella del Sahel». Il tutto alla luce della frenetica attività di gruppi terroristici, reti criminali transnazionali e milizie straniere lungo i confini meridionali libici, una delle «cerniere critiche» che si allungano sino al Sahara Occidentale. Un rischio tale che anche il protocollo di cooperazione di sicurezza firmato da Ciad, Niger, Sudan e Libia sembra non essere più sufficiente. Così il presidente del Ciad, Idriss Déby, si è rivolto finanche a Israele, dopo 46 anni di gelo diplomatico, chiedendo non solo un suo coinvolgimento nel contrasto ai gruppi armati presenti nel Sud della Libia, ma anche la partecipazione, con Usa e Francia, alla lotta alla jihad 4.0 quella che vuole fare di una certa Africa la nuova culla del terrore

Per inviare alla Stampa la propria opnione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostate


lettere@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT