lunedi` 10 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
06.12.2018 Europa: l'antisemitismo cresce ancora
Lettera di Carlo Benigni, presidente nazionale UDAI

Testata: La Stampa
Data: 06 dicembre 2018
Pagina: 24
Autore: Carlo Benigni
Titolo: «È allarme nell'Unione europea: torna a crescere l’anti-semitismo»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 06/12/2018, a pag. 24 con il titolo "È allarme nell'Unione europea: torna a crescere l’anti-semitismo", la lettera di Carlo Benigni, presidente nazionale UDAI (Unione di Associazioni pro Israele).

Risultati immagini per Carlo BenigniRisultati immagini per udai unione di associazione pro israele
Carlo Benigni
presidente nazionale UDAI

L’anti-semitismo è in preoccupante ascesa in tutta Europa; essendo come tale impresentabile, si presenta con il volto dell’anti-sionismo, che contesta il diritto di Israele di esistere come Stato. Anche in Italia si registrano con sempre più frequenza iniziative di gruppi estremistici che paragonano la situazione dei palestinesi a quella degli ebrei sotto il nazismo. Una tesi in linea con le posizioni dell’Iran, il cui leader «moderato» Rohani ancora pochi giorni fa descriveva «l’entità sionista» come un «tumore da estirpare», ribadendo l’intenzione di distruggere lo Stato ebraico. Come tutti sanno, Israele è l’unica democrazia del Medio Oriente, dove i regimi dei Paesi arabi negano i diritti civili, emarginano le donne, perseguitano gli omosessuali e non hanno welfare. Gaza, dove dal 2005 non vi è più un solo israeliano, è gestita da gruppi estremistici che opprimono la popolazione e destinano gli aiuti finanziari della comunità internazionale per azioni terroristiche contro Israele, lasciando la popolazione in condizioni miserabili.

Immagine correlata

Nella costituzione di Gaza è scritto che l’obiettivo è la distruzione dello Stato ebraico. Per quanto riguarda Al Fatah, Giudea e Samaria sono governate da una classe dirigente anziana e corrotta, e non vi si tengono elezioni dal 2005. Spesso l’informazione fornita dalla stampa italiana sul Medio Oriente è incompleta, se non reticente, e le notizie sono decontestualizzate (si dimentica ad esempio di sottolineare che Israele è l’aggredito e non l’aggressore). Ugo La Malfa aveva affermato profeticamente che «la libertà dell’Occidente si difende sotto le mura di Gerusalemme». Non sarebbe opportuna una corretta lettura della storia?

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT