sabato 17 novembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Unrwa, strumento dell'odio contro Israele. I rifugiati veri e quelli inventati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
05.11.2018 Iran: questa volta gli Usa fanno sul serio
Cronaca di Francesca Paci

Testata: La Stampa
Data: 05 novembre 2018
Pagina: 13
Autore: Francesca Paci
Titolo: «Teheran, in fiamme le bandiere Usa, ma le sanzioni adesso fanno paura»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 05/11/2018, a pag.13, con il titolo "Teheran, in fiamme le bandiere Usa, ma le sanzioni adesso fanno paura" il commento di Francesca Paci.

Immagine correlata
Francesca Paci

Morte all'America! Ore 10 del mattino, stazione della metro Taleghani, centro di Teheran. Gli slogan sono quelli di sempre, l’invocazione all’annientamento degli Stati Uniti e di Israele che accompagnata dal falò delle rispettive bandiere si compie ogni 4 novembre per commemorare la presa dell’ambasciata a stelle e strisce nel 1979. Ma oggi, nel corteo organizzato come ogni anno dall’Organizzazione della propaganda islamica, c’e una rabbia diversa, retorica e orchestrata secondo copione ma più attuale. L’ombra cupa della seconda e più pesante ondata di sanzioni in vigore da domani (stamattina per chi legge) grava da giorni sulla capitale e sul Paese, un countdown da chiamata alle armi per gli irriducibili e da corsa al bancomat per tutti gli altri.

Immagine correlata
Bandiere Usa bruciate in pubblico in Iran

«Resisteremo, insciallah!» giura un uomo sui quaranta appena sceso dal pullman che si accoda all’infinita doppia fila parcheggiata sul laterale viale Moffateah. Arrivano a centinaia, i bambini delle scuole in tenuta da karate o in divisa militare, le studentesse con il lungo chador nero d`uniforme, gli impiegati e le impiegate rigorosamente separati ma tutti con il cartello «Down with Usa» che moltiplica la scritta, ancora ben visibile dopo quasi otto lustri, sulla fiancata dell’edificio in cui i sostenitori di Khomeini diedero l`assalto al Grande Satana.

Sabato sera il leggendario generale Soleimani ha scritto su Instagram «Io ti affronterò», rispondendo alla minaccia di Trump, e oggi il suo esercito popolare è qui, riceve dalle mani degli organizzatori un’abbondante scodella di adassi, la zuppa di lenticchie offerta a tutti i partecipanti, e marcia avanti e indietro su corso Taleghani, «Amadeim!», siamo pronti!
«Non ci aspettavamo nulla, è la solita America che sosteneva lo Scià prima e poi Saddam Hussein» incalza un signore sui sessanta, barba, camicia marrone abbottonatissima e ciabatte. Alle sue spalle gli studenti srotolano lo striscione «We are undefeated», siamo imbattuti.

Immagine correlataImmagine correlata
Il presente:Donald Trump  ....il passato

A dire il vero la preoccupazione che la realtà di un Paese da 80 milioni di abitanti sia un po’ diversa da questo corteo di centinaia di migliaia di persone agguerritissime non turba solo il sonno della classe media e medio alta di Teheran. «Questa volta gli Stati Uniti fanno sul serio» ammette un funzionario governativo in sede molto separata. Per una volta i giornali del 4 novembre non parlano dell’archetipo Stati Uniti ma di un avversario concreto che, a torto o a ragione, sta scommettendo sull`implosione sociale di un Iran già gravato dall`inflazione alle stelle e da un 2018 marchiato dagli scioperi dei camionisti, degli insegnanti e dei commerciati strangolati dalla svalutazione del rial.

«Trump insiste e l`Europa resiste» titola il riformista Scharq, un quotidiano praticamente introvabile tra le fila dei manifestanti di Taleghani. Anche Iran, la testata governativa più vicina al presidente Rouhani, scommette sul potenziale assist di Russia e Ue enfatizzandone la distanza da Washington. Ma sotto il braccio di quelli che sventolano la resistenza a oltranza si scorge piuttosto Kheiran, il foglio dei falchi, dove oltre al vaticinio della Guida Suprema sul presunto prossimo tracollo a stelle e strisce si auspica addirittura il rilancio, l’abbandono di qualsiasi prossimo venturo tavolo negoziale, a la guerre comme a la guerre.
I toni, dalla piazza alla tivù, si alzano fino a sera, con il buio la città si avvolge di nuovo nell’ansia mesta di questi ultimi giorni. «Tempo un paio d’ore e invece di 15 mila rial ce ne vorranno 50 mila per comprare un euro» confida a bassa voce il custode della moschea dell’Imam Zade Saleh, nel mercato ortofrutticolo di Tajrish. Il conto alla rovescia è arrivato alla fine.

 

 

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT