venerdi 19 ottobre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks: 'Ecco il nuovo antisemitismo' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
08.08.2018 Boris Johnson: giuste parole sul burqa, è la negazione della libertà delle donne
Cronaca di Alessandra Rizzo

Testata: La Stampa
Data: 08 agosto 2018
Pagina: 18
Autore: Alessandra Rizzo
Titolo: «'Il burqa rende le donne cassette delle lettere', bufera su Johnson»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 08/08/2018, a pag. 18, con il titolo " 'Il burqa rende le donne cassette delle lettere', bufera su Johnson", la cronaca di Alessandra Rizzo.

La libertà di vestire come si preferisce è un diritto da garantire, ma il caso del burqa è diverso, e sbaglia la premier britannica Theresa May a non considerarlo. Infatti il burqa è proprio la negazione della libertà di scelta ed è il simbolo della sottomissione a cui le donne sono costrette dall'islamismo. Giuste quindi le parole di Boris Johnson, fuori strada le critiche che ha subito.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata

Non è più ministro degli Esteri, ma Boris Johnson continua a scatenare polemiche e creare imbarazzi nel Partito Conservatore: in questo caso per aver paragonato le donne musulmane che portano il burqa a «cassette delle lettere» e a «rapinatori di banche». L’infelice paragone gli ha immediatamente attirato critiche da ogni parte politica, compresa la sua, e accuse di islamofobia. Ieri è intervenuto prima il presidente del Partito Conservatore, Brandon Lewis, per chiedere al vulcanico ex ministro ed ex sindaco di Londra di scusarsi. Poi anche Theresa May si è aggiunta al coro di critiche e richieste di scuse: per la premier britannica, le parole «hanno chiaramente causato offesa». «Credo che le donne debbano scegliere come vestirsi», ha detto.

Immagine correlata
Boris Johnson

Ma Johnson non ha alcuna intenzione di chiedere scusa, anzi ritiene «ridicoli» gli attacchi contro di lui, secondo fonti a lui vicine citate dalla stampa inglese. «Non dobbiamo cadere nella trappola di zittire il dibattito pubblico su temi difficili», dicono. Il tema del burqa, che nel Regno Unito non è vietato, non è comunque all’ordine del giorno. Nel commento che scrive ogni settimana per il Daily Telegraph, Johnson, pur dichiarandosi contrario al divieto del velo integrale, aveva detto di ritenerlo «opprimente». «È assolutamente ridicolo che le persone scelgano di andare in giro come cassette delle lettere», aveva scritto.
Johnson, tanto pronto alla dotta citazione latina quanto alla battuta grossolana, non è nuovo alle gaffe, né alle provocazioni più o meno calcolate. Anche in questo caso, potrebbe aver fatto l’occhiolino alla parte più reazionaria del partito, soprattutto in un momento in cui si torna a parlare di lui come futuro leader del partito al posto della May. Certamente così la pensano alcuni dei suoi detrattori. Sayeeda Warsi, la prima donna musulmana a far parte di un esecutivo britannico e oggi un membro della Camera dei Lord per i Tory, ha detto: «Il commento è offensivo e intenzionalmente provocatorio, ma politicamente intelligente». Johnson, ha aggiunto, «si attira l’attenzione con parole che lui sa che trovano il favore di certa parte del partito».
Johnson si è dimesso dal governo il mese scorso in polemica con la linea morbida adottata dalla premier sulla Brexit. La decisione gli consente di attaccare May liberamente, interpretando i desideri dell’ala più euroscettica del partito. E lanciare, probabilmente, l’assalto alla leadership.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


direttore@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT